COACH BENEDETTO RIPARTE DALLA VIRTUS SALERNO

L’allenatore reggino, specialista in promozioni riparte dalla Campania

La nota

La Virtus Arechi Salerno è lieta di annunciare il nuovo capo-allenatore che, per le prossime due stagioni agonistiche, siederà sulla panchina blaugrana.

Colpo grosso quello messo a segno dalla società cara al patron Nello Renzullo​​​​​​, capace di mettere sotto contratto – grazie al lavoro certosino del diesse Pino Corvo – un tecnico dal palmares prestigioso, il cui nome corrisponde a quello di Giovanni Benedetto​​​​​​.

Il nuovo head coach

Classe 1965 ed originario di Reggio Calabria, Benedetto rappresenta a detta di tutti il profilo di un allenatore di primissima fascia, la cui esperienza accumulata negli anni anche accanto ad una istituzione della pallacanestro tricolore come Charlie Recalcati funge da viatico per una carriera brillante da capo-allenatore nel corso della quale i successi non stentano certamente ad arrivare.

Al contrario, il nuovo allenatore virtussino si fa apprezzare in giro per il Belpaese per le sue qualità tanto umane quanto professionali: il vissuto cestistico in piazze importanti quali Sassari, Potenza e Catanzaro tra le altre fa il paio con annate straordinarie coronate con il raggiungimento dell’obiettivo promozione a Latina (2009), Trapani (2011), Matera (2013) e Cento (2018).Le prime dichiarazioni di coach Benedetto 

Queste le prime dichiarazioni rilasciate da Giovanni Benedetto, ufficialmente nuovo head coach della Virtus Arechi Salerno:

“Sono entusiasta di entrare a far parte della famiglia blaugrana e spero di poter dare il mio contributo affinché l’entusiasmo della piazza di Salerno possa crescere ulteriormente proprio come accaduto in questi ultimi due anni. Entro a far parte di un’organizzazione sportiva che intende raggiungere obiettivi importanti e questo aspetto ha avuto un peso specifico quanto mai rilevante nella decisione che alla fine ho maturato. 

L’incontro con il direttore sportivo Pino Corvo si è rivelato determinante dal momento che quest’ultimo ha saputo toccare le corde giuste motivandomi ad abbracciare il progetto Salerno e dimostrando grande interesse professionale nei confronti della mia persona. Inoltre, avere l’opportunità di conoscere il patron Renzullo è stato un ulteriore step atto a farmi toccare con mano la passione e la competenza del presidente. 

Che Virtus Arechi sarà? Sono qui per vincere, i miei trascorsi lo insegnano. Ma vincere presuppone sempre e comunque un processo di crescita costante che saremo chiamati a portare avanti quotidianamente ed a trecentosessanta gradi in ossequio a quanto di buono la società è stata in grado di fare in queste ultime due stagioni. È presto per dire quali giocatori andremo a prendere sul mercato perché ogni estate entrano in gioco diverse variabili. Quel che è certo è che – in sintonia con il direttore sportivo – costruiremo una Virtus ambiziosa e desiderosa di fare grandi cose”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons