COACH COTRONEO: ECCO PERCHE’ HO LASCIATO CATANZARO

Ricco punto di riepilogo del Coach villese. Dalla stagione appena conclusa al basket giovanile, al suo Villa San Giovanni ancora in attesa di un Palasport ma non solo. Il tecnico stava guidando il giovane gruppo dei 2006 delle selezioni Fip Calabria.

Basket & Attività federali.

Si parla di rinnovamento, cambiamenti migliorativi.

Da dove partiresti per dare un nuovo volto a tutto quanto?

Il Rinnovamento credo dovesse partire già da un pezzo, per questo motivo questo stop forzato deve essere fonte di opportunità per ripartire e per non cadere negli errori che sono stati fatti negli ultimi anni. Ci sarebbero “millemila” idee dalle quali poter rifondare tutto l’intero movimento, Agevolazioni sui costi federali, riconoscimenti (non economici o magari anche) alle società che hanno un volume di attività importante : magari “rivedendo” la regola del parametro. Lavorare sul settore giovanile deve essere la prerogativa principale di un club ma ormai è palese che la strada intrapresa dalla federazione non è la migliore per tutte le società, specialmente quelle medio/piccole che sono il cuore pulsante del movimento.

 Aiutare nei primi anni di vita le nuove società (per esempio).

Promozione a livello locale e nazionale, ormai siamo in un’era dove le strategie di marketing sono troppo importanti per non essere prese in considerazione.

Ho dato degli esempi condivisibili o meno Ma questa domanda meriterebbe ore e ore di approfondimento perché ci sarebbero un sacco di sfaccettature da analizzare in maniera molto approfondita ,considerando anche le ultime notizie di una ripresa a porte chiuse. Infatti adesso l’importante è solo uscire da questa brutta situazione.

 

Eri in vetta con un gruppo straordinario tutto in giallo-rosso marchiato Planet.

Cosa ti ha spinto a salutare tutti, probabilmente inaspettatamente?

 

Bhè si stava prospettando una stagione molto interessante sia per i risultati sia per il gruppo che mi è stato affidato. Ma fare l’allenatore a tempo pieno vuol dire mettere il 100%, e anche oltre di se stessi, quindi non mi pareva il caso di continuare ed essendo ancora ad inizio stagione ho preso questa decisione. I motivi sono prettamente personali. Ma ringrazio la Planet per l’opportunità che mi è stata concessa, peccato che si sia dovuto fermare tutto ma sono sicuro che continueranno a fare bene nella prossima stagione quando si sbloccherà tutto.

 

Coach Tripodi ha affermato: Smettiamo di andare su “Amazon”alla ricerca di stranieri giovani che facciano al nostro caso. Cosa ne pensi?

 

La risposta giusta credo sia Equilibrio! Non bisogna offuscare i nostri talenti ma possiamo dare opportunità a ragazzi che investono tutto per provare a diventare dei giocatori. Inserire dei ragazzi stranieri o anche provenienti da altre regioni in un contesto “nostro” può aiutare ad alzare il livello. Ci sono svariate motivazioni che possono spingere una società a fare certi tipi di investimenti sono dell’avviso che non bisogna esagerare. Poi ognuno è libero di fare la scelta più opportuna in base agli obiettivi che si pone. Penso sia più grave vedere bambini che nel Minibasket fanno 1h di allenamento facendo tutto tranne ciò che può servirgli per arrivare pronti al settore giovanile, o vedere zone fantasiose in categorie U13/14/15 (e forse anche 16) quando nessuno sa usare la mano sinistra e non si sa leggere uno spazio rispetto ad un altro.

 

Che ne pensi dei campionati di Calabria appena conclusi. A tuo avviso, come sarebbero finiti?

 

 

Penso che la Pallacanestro Viola sarebbe sicuramente arrivata agli spareggi, poi li sono partite dove i nervi e la concentrazione diventano importanti quanto la tecnica e la tattica, ma ero abbastanza fiducioso anche perché Reggio Calabria vuole e ha bisogno di una squadra di riferimento in un campionato nazionale basato su un progetto solido e duraturo che investa non solo su una prima squadra (importantissima) ma su formazione di allenatori dirigenti e giovani atleti per riportare il nome Viola in alto.

 

Hai fatto parte della Reghion, realtà in nero-arancio nel campionato Csi.E’ arrivata l’ora, secondo te, di ritrovare una realtà in nero-arancio in un campionato nazionale?

 

Fare parte della Reghion è stato ed è tutt’ora, perché il nostro gruppo whatsapp è ancora molto attivo, bellissimo. Ritrovare Vincenzo Meduri in primis e poi Andrea Giovanni e Milo ha rappresentato una delle motivazioni principali per tornare a giocare. Ho conosciuto anche tutto il resto della squadra : Andrea Sorace Rosario Bonaccorso Simone e Nino Creaco, Fabiano Larizza ma non voglio dimenticare nessuno perché veramente dal primo allenamento mi hanno fatto sentire TUTTI come se fossi un compagno di squadra ventennale. Spero che se rimarremo tutti qui ripeteremo questa avventura e magari con Nino Barreca dall’inizio 😀 .

 

Sappiamo benissimo quanto tu possa essere sensibile all’argomento.

Villa San Giovanni promosso in C1, la vecchia C nazionale.

Il Palazzetto era pronto dicevano, ed invece?

 

Diciamo che mi tocca leggermente!!!!

Io non voglio più fare polemica, anche perché non è il momento storico per farlo. Voglio solo continuare a sottolineare la perseveranza della famiglia Versace, nella persona di Salvatore, che per noi “villesi cestisti” rappresenta uno Zio, che continua imperterrito a tenere viva la fiammella. Ho scritto un commento sotto la foto che hai pubblicato della festa per la promozione in C1, dove nonostante i miei allora 23/24 anni non ricordo precisamente, ero già tra le vecchie glorie eheheh, che torneremo.

E’ una promessa che mi faccio, presto o tardi che sia riusciremo a ricreare il movimento che a villa si era creato quando ero un Under io (150 iscritti, numero più numero meno) senza dover dire grazie a nessuno. Perché ormai le promesse fatte sono state solo delusioni ripetute e onestamente non credo più a nessuno e mi sono anche stancato di ascoltare!

 

La squadra ideale di Coach Cotroneo. Scegli due allenatori, un Presidente e dieci compagni di squadra. Chi selezioneresti?

 

Allora io faccio il Patron (che fa figo)

Presidente: Salvatore Versace

Allenatori: Pasquale Iracà, Peppe Vozza Prep:Ciracì

Giocatori: Meduri, Vinci, Barreca, Laganà,Pusateri, Barilla, Costabile, Cambareri R, Pitasi, Nusco, Paolo Canale, Carmelo De Stefano.

Insomma small ball e spadelliamo!

Un saluto a tutti, teniamo duro con l’augurio di tornare presto sui campi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons