EUROLEGA: IL PUNTO SULLA TERZA GIORNATA

di Gaetano Laganà – Milano vince la prima in trasferta. CSKA e Barça a punteggio pieno. Prime vittorie per Fener, Maccabi e Zalgiris. Storico successo per lo Zenit.

 

Due tiri liberi di Riccardo Moraschini a 8” dalla sirena finale permettono all’Olimpia di espugnare OAKA. Partita molto equilibrata nel primo tempo. Milano si aggrappa alle giocate di Mike Roll (16), il Pana ai rimbalzi offensivi. All’intervallo è 38 pari. Nel secondo tempo sale in cattedra il play greco Nick Calathes (23), ma l’AX grazie al “professor” Micov (18) e Scola(17) ritorna a contatto e nel finale punto a punto trova la prima vittoria esterna della stagione 78-79.

 

LE ALTRE PARTITE

Tutto facile per CSKA e Barcellona. I russi domano senza intoppi il Khimki nel derby russo (99-86), trascinata da un super Mike James autore di 28 punti. Gli spagnoli regolano l’Alba Berlino 103-84, con il solito Higgins (22) e Mirotic (18) sugli scudi.

Crolla il Real, invece, che si deve arrendere a Kaunas. Lo Zalgiris risorge e vince con un sonoro 86-73. Successo casalingo anche per il Maccabi che si fa rimontare dalla Stella Rossa, ma nell’overtimenon dà scampo ai serbi e chiude 84-69. Tra le mura amiche non fa sconti neanche il Bayern che si dimostra osso duro per tutti e schianta il sorprendente Villeurbanne 104-63.

Prima vittoria in stagione per il Fenerbahce, alla prima in casa, contro il Baskonia. Le telecamere però sono tutte per uno strepitoso Nando De Colo che chiude con 39 punti e mette lo zampino per la vittoria finale 87-80.

Successo esterno per un ritrovato EFES che espugna il campo del Valencia, ancora a secco di vittorie (78-83). Storico primo successo in Eurolega per lo Zenit San Pietroburgo. I russi per l’occasione vanno a violare il campo dell’Olympiakos 68-77. L’eroe della serata è Mateusz Pontika (18).

 

MVP: Senza dubbio Nando De Colo con 39 punti (12/15, 3/6 e 6/7), 3 rimbalzi, 3 assist, 9 falli subiti e un mostruoso 44 di valutazione. I 39 punti del francese sono la seconda miglior prestazione del secolo. Per ritrovare una performance migliore bisogna ritornare al Gennaio 2013 quando Bobby Brown ne mise 41 pareggiando quello che è ancora l’attuale record (insieme ad Alphonso Ford, Carlton Myers e Kaspars Kambala).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons