PALESTRE SCOLASTICHE:SI MUOVE IL PRESIDENTE DELLA FIP LAZIO

Con una lettera rivolta ai vertici istituzionali, il presidente Francesco Martini ha sollecitato l’intervento degli enti locali nella risoluzione della complessa questione legata all’utilizzo delle palestre scolastiche per le attività sportive in orario extra-didattico, che coinvolge moltissime ASd del territorio.

Anche sul territorio calabrese c’è fermento sull’argomento, anche se, in tutte le province sembrano pronte le armi per contrastare questa problematiche che metterebbe in ginocchio la pallacanestro e non solo. Nei prossimi aggiornamenti ne sapremo di più.

LA LETTERA DEL PRESIDENTE DELLA FIP LAZIO

Di seguito il testo della lettera, indirizzata al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, alla Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi, all’ Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini di Roma Capitale Daniele Frongia, al Vice Sindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale Maria Teresa Zotta, al Presidente della Commissione Sport di Roma Capitale Angelo Diario, al Presidente del Coni Lazio Riccardo Viola e al Dirigente Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Rocco Pinneri.

“Gentili Signore e Gentili Signori,
con la presente faccio seguito alla lettera da me inviata con prot. n. 44 in data 23
giugno u.s. per sottoporre nuovamente alla Vs. attenzione l’annosa questione relativa al
rischio di chiusura delle palestre delle scuole alle attività sportive pomeridiane e serali,
ventilato da diversi dirigenti scolastici e non ancora scongiurato.

Come già affermato nella precedente comunicazione, una simile prospettiva comporterebbe nei confronti di centinaia di Associazioni Sportive Dilettantistiche su tutto il territorio pesanti, se non addirittura disastrose, conseguenze in termini organizzativi ed economici, mettendo in pericolo la sussistenza delle stesse.
In qualità non soltanto di Presidente del Comitato Regionale del Lazio della Federazione Italiana Pallacanestro ma anche di uomo di sport, ritengo sia necessario dare priorità assoluta a tale tema, poiché sono certo condividerete con me la preoccupazione circa gli inevitabili risvolti negativi a livello sociale, culturale e sanitario che si presenteranno nel caso in cui venga di fatto negata a tanti bambini, giovani e atleti la possibilità di praticare la disciplina di mia competenza così come le altre decine di discipline coinvolte.
Confidando in un sollecito riscontro, l’occasione è gradita per inviare cordiali saluti

Il presidente
Francesco Martini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons