RICORDATE LA SOSPETTA MORTE DELL’EX VIOLA CARLO VITOLO?

Arrivano condanne e rinvii a giudizio. La morte non è più sospetta.

Due anni fa,Reggio Calabria si era unita al terribile dolore di Agropoli.

Si era spento all’età di quarantun’anni Carlo Vitolo, prospetto giovanile degli anni ’90, passato dalla “cantera” nero-arancio di Gaetano Gebbia.

Carlo Vitolo era autista per una ditta che si occupa di GPL. Ma ad Agropoli e non solo era noto, soprattutto, per il suo grande talento per il basket. Giovanissimo (sulle orme del più forte giocatore nativo di Agropoli di tutti i tempi, Donato Avenia), infatti, fu ingaggiato dalla Viola Reggio Calabria dove giocò sia nei settori giovanili che nelle formazioni “satellite” in serie C con Coach Gianni Tripodi, prima di far ritorno nella sua Agropoli.

Durante gli anni trascorsi a Reggio Calabria ha frequentato il Liceo Classico “Tommaso Campanella” e condivideva giornalmente allenamenti e partite con atleti del calibro di Casamento, Sigon, Ganci ecc…

Oggi, la sua morte non è più misteriosa. Leggete qui.

Da Agropolinews.it

Piovono condanne e rinvii a giudizio per la morte di Carlo Vitolo il giovane agropolese per il quale,in un primo momento,non si riusciva a capire come fosse morto mentre era ricoverato all’ospedale Curto di Polla.Accertata una prima responsabilità penale nel caso di Carlo Vitolo,  a due anni esatti dalla sua morte nell’ ex nosocomio di Sant’Arsenio.Il giovane agropolese morì il 7 febbraio del 2016 al’ospedale di Polla nel turno notturno.
Condannati, con rito abbreviato, due infermieri e rinviato a giudizio il medico, Dott Mazza, di turno nella notte del decesso del giovane.
Un primo importante risultato ascrivibile, in buona parte, alle risultanze dell’esame autoptico all’esito del quale sono state rinvenute ed accertate concentrazione di farmaci anche 20 volte superiori al range terapeutico.
A seguito di tale primo risultato certamente significativo, i familiari di Carlo, assistiti dagli avvocati Barone e Lo schiavo per i due diversi profili civile e penale, intendono, con rinnovata energia, proseguire nell’accertamento delle responsabilità anche dell’intera struttura sanitaria Asl.

Show Buttons
Hide Buttons