TEMPO DI DRAFT NELLA NBA: RICORDATE QUELLO DEL 1999?

Nel 1999 il giovane atleta della Viola fu scelto dai San Antonio Spurs.Oggi, il primo in lista è Zion Williams.

Commosso fino alle lacrime alla sua prima intervista NBA, non trova le parole per descrivere il momento, poi ringrazia la madre che prende la parola per lui davanti alle telecamere. Il microfono torna a Zion per un messaggio ai tifosi di New Orleans: “Let’s dance!”

Come previsto da tutti gli analisti, il giocatore proveniente da Duke è finito ai Pelicans. Niente da fare invece per David Okeke, unico italiano al draft, che non è stato selezionato da nessuna franchigia

E nel 1999? Chi l’avrebbe mai detto? Lui, probabilmente si, praticamente uno sconosciuto o quasi, un giocatore della Viola Reggio Calabria.

Cognome non pronunciato bene, risate ed un sogno chiamato San Antonio Spurs.

Il primo viaggio della Viola Reggio Calabria in un Draft Nba.

Manu gioca con la sua squadra della sua città natale finché, nel 1998, si trasferisce in Europa , firmando un contratto con la Viola Reggio Calabria di Gaetano Gebbia con la quale centra la promozione in A1.

Al termine della prima stagione sullo Stretto viene scelto al numero 58 del Draft NBA 1999 dai San Antonio Spurs (in quello che sarà uno dei maggiori draft steal della storia della Lega con Elton Brand che arrivò prima di Francis,Baron Davis e Lamar Odom). Rimane però ancora a Reggio, dove scrive pagine memorabili per la compagine calabrese, che nella sorpresa generale, arriva a ripetere il risultato sportivo conseguito nel 1993: semifinale sfiorata e quinto posto assoluto alla fine dei play-off. Il risultato della Viola, contribuisce a segnalarlo come una delle guardie più esplosive del Campionato Italiano: il resto è storia tra Bologna, i traguardi con la Nazionale e tanti anni indimenticabili tra i pro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons