ALCUNI MANIGOLDI HANNO DISTRUTTO LA STELE DI MASSIMO MAZZETTO

Atto vergognoso contro la storia nero-arancio. 

Mentre l’uomo sperimenta e punta all’approdo su Marte c’è chi, probabilmente non avendo una missione personale distrugge la storia.

La storia di Massimo Mazzetto, una storia nero-arancio, una storia che dovrebbe andare salvaguardata e che, invece, è stata tristemente distrutta.

Si, è vero la Stele non era mai stata salvaguardata, era già stata parzialmente rovinata ed era posizionata in una collocazione davvero “nascosta” tra il PalaBenvenuti ed il Piazzale Atam.

La stele dedicata al cestista prematuramente scomparso nel 1986 è stata distrutta, i commenti, i doverosi insulti e quant’altro li lasciamo a voi, anche perché la rabbia ci ha profondamente scosso.

 

Ringraziamo Reggiotv per la segnalazione

Riceviamo e pubblichiamo: “Cara redazione, siamo veramente disperati a vivere nel degrado più assoluto, in mezzo all’immondizia, ai topi, ai pericoli e alle baby gang che devastano i nostri quartieri. Nel pomeriggio odierno la stele commemorativa del cestista Mazzetto situata nei pressi del Palazzetto Botteghelle è stata completamente distrutta da ignoti che attirati dalle mia urla, si sono dileguati facendo perdere le proprie tracce. In tal caso sono state allertate le forze dell’ordine (polizia locale e 113) che sono prontamente intervenute per i rilievi del caso e li dobbiamo solo ringraziare per il loro operato nelle mille difficoltà di questa città. E’ stata allertata l’Enel che anch’essa è prontamente intervenuta a risolvere la pericolosità sul posto della cabina aperta. Vorrei ribadire che la cooperazione tra polizia locale, enti e cittadini funziona quando quest’ultimi fanno la propria parte, perché se si cammina con i paraocchi non si va da nessuna parte. Questa è la nostra città, la dobbiamo amare e non abbandonare a se stessa”.
F.I.

Show Buttons
Hide Buttons