ALLENAMENTI SI, ALLENAMENTI NO?

Come farebbero le squadre dei campionati nazionali a giocare le sfide, seppur a porte chiuse senza potersi allenare.

Questo e tanto altro al vaglio delle interpretazioni del nuovo Dpcm in vigore da domani.

Stando alle ultime interpretazioni, non ufficiali, gli allenamenti dovrebbero essere garantiti per le compagini impegnati in competizioni nazionali con lo stop di tutto il resto del movimento basket.

Saranno sospese le attività di palestre e piscine, centri natatori e centri benessere. Mentre resteranno aperti i centri e i circoli sportivi pubblici e privati nel rispetto delle norme del distanziamento sociale e senza assembramenti.

Continuano ad essere permesse le attività sportive o motorie nei parchi con la distanza di sicurezza di due metri per le sportive e un metro per le altre.

Per quanto riguarda l’attività di tutti gli atleti di vertice, resta consentita a porte chiuse. Negli sport di contatto però i divieti si allargano: viene confermato quello per ogni attività, anche allenamenti, di carattere “ludico amatoriale”, ma vengono fermate – anche per gli allenamenti (si deve ancora capire se possono capire in forma individuale e nel rispetto del distanziamento) – tutte le attività dei livelli provinciale (come già nel precedente Dpcm) e soprattutto regionale.

E il basket? Si volge verso il divieto della partecipazione del pubblico anche per gli eventi sportivi secondo quanto emerge. Chiusura per tutto il basket regionale con gli eventi nazionali che avranno l’obbligo delle porte chiuse (non più 200 spettatori ma solo stampa, staff,arbitri ed atleti)

Il Dpcm, infatti, permetterà lo svolgimento di “eventi” e le competizioni sportive, nonché gli allenamenti degli atleti agonisti riguardanti gli sporti sia di squadra che individuali riconosciuti dal Coni e di conseguenza dalle rispettive federazioni (Fip inclusa)- ma soltanto all’interno di impianti a porte chiuse.

Accanto al rinvio dell’inizio dei campionati di A2 e B, alla sospensione dei campionati regionali(la C Gold potrebbe finire al termine del mese di Novembre), lo scenario sembra tutt’altro che roseo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons