B Dil: L’ Alcaro pronta allo sprint finale

Sprint finale dunque per le 14 formazioni impegnate nel girone D, ultimi 160 minuti di una regular season che si appresta a regalare i sussulti finali di una stagione oramai agli sgoccioli. Poker di gare impegnativo per l’Alcaro Group Catanzaro che dovrà affrontare due trasferte consecutive su campi di avversarie in lotta per non retrocedere (Bari e Ragusa), ricevere a casa propria l’attuale capolista Liomatic Viola RC per concludere poi sul campo della Granoro Corato. La tanto attesa sosta sembra aver regalato ai giallo-rossi un po’ di tempo per recuperare parte degli infortuni che hanno costellato gli ultimi tre mesi di Cattani e compagni. Ad esserne maggiormente colpito proprio il capitano del sodalizio calabrese operato di menisco e praticamente assente, a parte qualche minuto prima dell’intervento, dal 12 Dicembre scorso. Lo abbiamo visto all’opera di nuovo nel match casalingo contro il NB Campobasso prima della sosta e il suo apporto è stato come al solito innegabilmente prezioso. Anche stasera il capitano sarà in campo dopo aver sfruttato queste due settimane per continuare il percorso di recupero fisico. Stessa situazione per Pietro Saccoccio alle prese con un fastidioso mal di schiena che fin dall’impegno di Melfi non ha concesso molto sul piano fisico alla guardia di Fondi. Dopo tanto tempo, il n. 7 di coach Restivo è riuscito a sostenere una settimana di allenamenti completi pronto, anche se non ancora al meglio della forma, per la trasferta di Bari. Chi invece accusa qualche acciacco in più rispetto a due settimane or sono è Simone Candela, dolorante per un colpo alla caviglia, ma comunque aggregato ai dieci e pronto a scendere in campo. Decimato invece il pacchetto under con Scuderi out per una frattura alla mano sinistra: a completare i convocati per la trasferta di Bari ci saranno quindi Ippolito, Motta e Battaglia.  Visti i carichi di lavoro sostenuti nell’ultimo periodo e, soprattutto, gli elevati minutaggi degli uomini chiamati in causa, coach Restivo ha preferito alleggerire il programma di allenamento in particolar modo nella prima settimana di sosta per permettere ai propri ragazzi un recupero delle energie spese. Dopo il “sciogliete le righe” di domenica, l’appuntamento era stato fissato per giovedì 17 Marzo anche se un’indisponibilità del campo comunicata all’ultimo momento ha concesso ai ragazzi qualche ora di extra riposo. Si è ripreso venerdì e sabato con qualche seduta di tiro mentre l’iter di allenamenti tipo, compresa l’amichevole infra-settimanale contro la Ranieri International Soverato, ha avuto inizio martedì scorso. In queste condizioni, l’Alcaro Catanzaro è partita questa mattina alla volta di Bari per tentare di conquistare quel primo tassello di un poker di vittorie che potrebbe proiettare i giallo-rossi, dall’attuale settima posizione in classifica, nelle zone calde della griglia play-off. La squadra di coach Scoccimarro, dal canto suo, è alla ricerca di qualche affermazione per staccarsi da quel penultimo posto che occupa con 10 punti all’attivo. Fino al momento, infatti, la Chimica D’Agostino ha centrato tutte le cinque vittorie del proprio carnet davanti al pubblico amico. In striscia negativa da tre giornate (l’ultima affermazione risale al derby salvezza contro il Basket Ragusa giocatosi nel 19^ turno di campionato), rispetto ad un girone fa, Cancellieri e soci hanno incrementato il proprio bottino di soli 4 punti ottenendo, oltre alla vittoria contro i siciliani, un precedente successo casalingo nella gara contro Melfi (12^ giornata). Il Cus Bari è, alla stregua dell’Alcaro, una delle poche squadre che rispetto al girone di andata ha mantenuto inalterato il proprio organico. Una formazione giovane e veloce quella vista a Catanzaro, ma senza lunghi di peso e che fa girare il gioco attraverso i suoi tre uomini più rappresentativi, vale a dire il capitano Cancellieri (14.0 punti/partita), Roberto Rollo (12.5 punti/partita) e il miglior realizzatore Domenico Barozzi (17.6 punti/partita), un classe ’89 stabilmente presente nelle classifica di punti realizzati (4° posto), stoppate e palle recuperate (1° posto) e valutazione (7° posto).  All’andata, sul parquet del Pala Giovino, finì 68-59 con la gara che visse i propri momenti cruciali nella parte centrale. Ad un primo e quarto tempo tutto sommato abbastanza equilibrati si contrapposero un secondo quarto in cui Catanzaro costruì con un parziale di 20-7 gran parte del proprio vantaggio ed una terza frazione in cui Bari tentò di recuperare il possibile con un contro break di 11-21. Alla fine comunque ebbe il sopravvento il maggior spessore tecnico della formazione giallo-rossa che anche stasera cercherà contro i cussini quei due punti importanti per incrementare quella striscia positiva che dura già da tre giornate e messa solamente in stand-by due settimane or sono. Appuntamento alle ore 18:00 sul campo del Palazzetto del Lungomare Starita di Bari con la direzione di gara affidata ai Sigg.ri Carmine Ferrari di Capriglia Irpina (AV) e Giuseppe Petrone di Fisciano (SA).

La 23^ giornata di campionato sarà completata dalle gare BBC Group Bernalda – Liomatic Viola RC, Upea Capo d’Orlando – Pasta Granoro Corato, Peugeot Benevento – Mens Sana Campobasso, Due Esse Martina Franca – Basket Club Ragusa, Basilicata Melfi – MiaCard Basket Ceglie e Accademia Britannica CB – Soavegel Francavilla.

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons