B Dil: Linea young per l’Alcaro Group Catanzaro: parla Luigi Carella dopo la sfida contro il Cus Bari

 

 

D: Che avversari ti sei trovato di fronte domenica sera?

R: La Chimica D’Agostino Bari si è dimostrata, nonostante una penultima posizione in classifica, squadra molto coriacea che ha combattuto fino alla fine. E’ certamente una formazione atipica, senza lunghi di ruolo ma formata essenzialmente da giocatori “piccoli” che fanno della velocità una delle loro armi più importanti. E questo è stato proprio uno degli aspetti che abbiamo sofferto maggiormente domenica sera.

D: Che partita hai visto?

R: Siamo partiti bene e dopo un primo tempo abbastanza equilibrato siamo riusciti a dare agli avversari uno stacco che ha toccato anche i 19 punti. Poi nel terzo tempo abbiamo accusato un calo che ha permesso al Cus Bari di rientrare in partita. Come ho detto, ci ha creato qualche difficoltà la loro velocità ma anche la loro difesa forte. Certamente poi abbiamo avvertito la mancanza di un giocatore del calibro di Mlinar e risentito delle rotazioni limitate in seguito all’infortunio di Fevola che ha costretto Danilo a non poter essere sempre presente in partita e assicurare il suo prezioso apporto. Ma nell’ultimo quarto siamo riusciti a giocare nuovamente di “squadra” arrivando alla fine alla vittoria con una bella prestazione di tutto il collettivo.

D: Linea “young” per questa Pallacanestro Catanzaro che sta dimostrando di puntare partita dopo partita sempre di più sulle giovani leve del vivaio.

R: Coach Restivo dà molta fiducia a noi ragazzi e ci permette di giocare. Anche i più grandi ci aiutano, sia in campo che in allenamento, ci danno consigli, ci spronano ma sempre cercando di farci rimanere molto tranquilli. Io sto attraversando un buon periodo, sono contento della prestazione di domenica e per adesso va bene così.

D: Due impegni importanti per la fine del 2010, domenica in casa contro Ragusa e poi in trasferta a Reggio Calabria: cosa prevedi?

R: Saranno due settimane difficili, speriamo di recuperare gli infortunati (Mlinar e Fevola) e poi naturalmente…spero di vincere!

 

Intervista di Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons