B Fem: L’Indomita centra l’ultima vittoria dell’anno, battuto Priolo e conquistato il secondo posto

e riconquistare la seconda posizione in classifica persa dopo lo scivolone sul campo della Rainbow CT una settimana prima.

 

A obiettivo stagionale già da tempo raggiunto, le bianco-azzurre allenate da coach Fabio Melissari hanno festeggiato la promozione nella nuova serie B unica congedandosi dal proprio pubblico con l’ennesima vittoria ma soprattutto, in una sorta di staffetta cestistica, passando il testimone a quelle che saranno le “indomite” di domani, vale a dire al gruppo under 14 di Barbara Gemelli che proprio in questi giorni si appresta a vivere i primi passi nel proprio campionato di categoria. Una sinergia tra Minindomita e Jbl che farà sicuramente del bene ad un movimento sempre più bisognoso di nuova linfa vitale. Tornando all’ultima gara della prima squadra, alle calabresi toccava il certo non facile compito di riscattare la pesante sconfitta subìta in terra siciliana contro una delle migliori formazioni del girone, quella Trogylos guidata da coach Salvo Coppa che rappresenta il vivaio della più blasonata squadra di serie A. Un girone fa furono 16 le lunghezze di scarto tra le due quadre, sabato sera l’Indomita ha sfiorato l’impresa di ribaltare il passivo con una bella prestazione corale di tutto il gruppo. Gruppo che in termini numerici e annoverate le assenze già preannunciate alla vigilia, si è tradotto in nove atlete iscritte a referto, fatte ruotare in campo da coach Melissari per 8/9, mentre il Priolo è sceso al Pala Greco in formazione tipo con 12 ragazze disponibili guidate da Milazzo e Gambuzza. Proprio loro, nonostante le non perfette condizioni della prima in ripresa da un infortunio, hanno rappresentato le migliori armi a disposizione di coach Coppa. Al fischio della coppia arbitrale, le padrone di casa scendono in campo con Esposito, Pessolano, Siciliano, Dublo e Fregola (quest’ultima preferita a Coluccio) mentre le ospiti rispondono con Guerri, Milazzo, Terranella, Accolla e Gambuzza. L’evolversi della gara sorride da subito all’Indomita che limita molto la squadra del Trogylos non apparsa all’altezza delle precedenti performance. Sbagliano molto le ragazze di coach Coppa mentre le calabresi svolgono il proprio compito in maniera più ordinata trovando quel vantaggio che riusciranno a mantenere fino alla fine della partita. Il primo tempo si chiude con il parziale di 19-13; da segnalare la tripla di Siciliano al 4’ per il 9-5 Indomita, un tiro dalla distanza sempre cercato dalla n.14 bianco-azzurra che ha coronato sabato sera la sua ottima prestazione in difesa. Ma è ad inizio del secondo quarto che la squadra locale, trascinata da Coluccio, Dublo ed Esposito, riesce a mettere una significativa distanza nei confronti delle avversarie arrivando a toccare anche le 12 lunghezze di vantaggio (25-13 al 15’). La formazione del Trogylos non riesce a trovare efficaci soluzioni difensive anche grazie ad una difesa Indomita che ha limitato in maniera ottimale la formazione siciliana. E’ la Gambuzza a sbloccare il digiuno ospite al 16’ realizzando il primo dei due canestri dal campo della seconda frazione. Per il Priolo, i secondi 10 minuti si traducono in un assolo del proprio pivot, unica a dar fiducia alle compagne. Significative le sue incursioni sotto canestro dove le catanzaresi per fermarla ricorrono spesso al fallo concedendole una serie di tiri liberi che la n. 13 isolana riesce a sfruttare per ridurre lo svantaggio fino al -8 (28-20) prima di lasciare spazio alla Milazzo che in dirittura di arrivo infila la tripla del 28-23 con cui si chiude la prima parte di gara. Al rientro dagli spogliatoi, l’Indomita accusa un calo che si trasforma in una serie di tiri sbagliati che permettono alle avversarie di avvicinarsi pericolosamente fino al -2 (30-28). Due lunghezze che saranno il minimo stacco accusato dalle siciliane. Le bianco-azzurre confezionano infatti una pronta reazione  con Esposito, Siciliano e Pessolano e con un break di 10-2 si riportano ad un tranquillo +10 (40-30) al suono della terza sirena. Il Trogylos riesce a vincere l’ultimo quarto (6-9) accorciando le distanze ma non riuscendo mai ad impensierire seriamente le padrone di casa che chiuderanno all’ultimo fischio finale del campionato con il risultato di 46-39. Una vittoria non influente ai fini del verdetto stagionale ma importantissima per squadra e Società che possono salutare i propri tifosi nel migliore dei modi. Finisce così la più che ottima stagione della Pallacanestro Indomita Catanzaro dei tanti cambiamenti, 32 punti, 16 vittorie su 20 gare disputate e una serie B la cui conquista rappresenta quella crescita e quella maturità trovata, palleggio dopo palleggio, dalle ragazze che hanno contribuito a rilanciare il basket femminile a Catanzaro.

INDOMITA CATANZARO – TROGYLOS PRIOLO 46-39

(19-13; 28-23; 40-30)

Indomita Catanzaro: Galati 4, Pessolano 6, Szafran ne, Coluccio G. 6, Dublo 8, Amendola, Siciliano 9, Fregola 3, Esposito 10. Coach: Fabio Melissari

Trogylos Priolo: Guerri 5, Oddo, Vinci ne, Milazzo 15, Arena, Terranella 2, Muratore, Accolla 6, Quadrella, Tripoli, Cossarino, Gambuzza 11. Coach: Salvo Coppa

Arbitri: Maurizio Patisso di Catanzaro e Daniele Manduca di Messina

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons