Buone indicazioni per Bermè e Planet

Tanto caldo ma tanta pallacanestro ed intensità al Pianeta Viola.

La Bermè Viola Reggio e la Planet Basket Catanzaro possono essere ampiamente soddisfatte dell’amichevole del mercoledì pomeriggio: un bel derby di Calabria molto utile per rodare uomini e schemi.

Corsa, tatticismi, energia per crescere in vista dei rispettivi impegni: la Viola deve fare a meno di Crosariol(fermo 30 giorni ma in panca accanto ai compagni) e dell’americano Craig Brackins che er indisponibile ma ritornerà ad allenarsi con i compagni gia da oggi(niente di preoccupante).

La Planet,invece, deve fare a meno del tiratore Tomas Di Dio colpo di mercato che verrà ufficializzato nei prossimi giorni.

I quintetti-Gli ospiti partono in quintetto con la new entry Abassy in regia(play prelevato dal Bisceglie), Carpanzano guardia, il giovane Latella ala piccola con il collaudato tandem Naso- Sereni sotto canestro(gli ultimi tre sono tutti ex Viola).

La Viola,invece, risponde con Spinelli play, Freeman guardia, Rullo ala piccola con Lupusor affiancato a Ghersetti nel pitturato.

Catanzaro parte meglio della Viola: l’atteggiamento aggressivo ordinato da Coach Cattani si vede e si sente.

8 a 4 iniziale per i giallo-rossi(molto bene Carpanzano).

Ghersetti segna i canestri del pareggio, Lupusor(ottima la sua serata) firma il vantaggio di una Viola che ritrova per l’occasione l’estro di Marco Mordente.

I nero-arancio fanno valere la differenza di categoria e volano in doppia cifra di vantaggio: una tripla da distanza “siderale” di Gianluca Carpanzano(il migliore dei suoi) porta la Planet sul meno nove.

Nel secondo quarto lo staff tecnico giallo-rosso riparte con i primi cinque, la Viola schiera Valerio Costa.

Tanto equilibrio: la Viola non riesce ad imporsi e Abbassy ed uno straordinario Latella firmano i canestri di una Catanzaro che tiene testa con grinta ai reggini.

Anche nella terza frazione si rimane sulla stessa trama tra sorpassi e contro sorpassi e belle finiture di Sereni da un lato e Lupusor dall’altra.

Mordente segna il primo canestro in canotta Viola e serve un assist magico per Lupusor che schiacca da vero dominatore.

Catanzaro risponde ma cede il passo nel “tempino” 20-14.

Nell’ultimo periodo, invece, la musica cambia radicalmente: la Viola ne ha di più.

La Bermè parte bene con un 5-0 che, dopo un time-out degli ospiti diventa 13-2.

Mordente cresce di giocata in giocata ed arrivano cinque punti di fila per il giovane Sindoni:la Planet inizia a far canestro con Antonio Rotundo.

Viola Basket – Planet Catanzaro

1/4: 26-18; 2/4: 26-24; 3/4: 20-14; 4/4: 25-15

Viola Basket: Rullo15,Spinelli 17, Lupusor 26, Ghersetti 14,Freeman 8,Mordente 9,Franzò, Marino,

Sindoni 7,Costa.

Coach Giovanni Benedetto Ass Massimo Bianchi

Planet Catanzaro:Sereni 10,Latella 14,Naso 7,Carpanzano 20,Abassy 9, Fratto 2,Rotundo 4, Scuderi, Cossari, Infelise 2, Di Dio, Calabretta.

Coach Andrea Cattani,Danilo Chiarella ed Orlando Pullano.

Arbitri Roberto Viglianisi da Villa San Giovanni e Salvatore Comerci di Reggio Calabria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons