C Reg:Pillole di finale

 

 

C’è tanta attesa. Attesa di chi ha lavorato una stagione intera e vuole ottenere il massimo, un massimo che probabilmente in chiave futura non vuol dire molto ma farà crescere l’entusiasmo e la voglia di continuare a programmare.

Da una parte c’è la Vis Overt Reggio Calabria, formazione giovanissima nata da un incontro a cena tra il duo di Presidente Gigi Di Bernardo e Kristian Gemelli in compagnia di un gruppo di amici.

Dall’altro c’è una Cestistica Gioiese che ha voglia di vincere il campionato regionale per riportare il giusto entusiasmo nella Gioia Tauro del Basket, entusiasmo abbastanza “sceso” dopo la finale per la B2 persa contro Battipaglia esattamente un’estate fa e la completa trasformazione del progetto inserito nel più grosso ambito chiamato Viola Reggio Calabria.

PROGRAMMAZIONE

La Vis ha programmato di voler salire in estate, presentando con il grande caldo d’Agosto lo specialista in promozioni Billy Fall, firmando giocatori di C1come Soldatesca e riuscendo a convincere il forte americano Jamaal Womack e rientrare in Italia.

La Gioiese, invece, ha usufruito di una “deroga” regionale abbastanza discussa approvata dal Comitato Regionale della Fip ed in pochissimi giorni, per opera del Dg Condello ha creato un roster “variegato” con atleti di fama, alcuni di essi con tanta voglia di emergere accanto ad un buon nucleo di atleti protagonisti della promozione in C Dil di tre stagioni fa.

I cambiamenti in corso

Per la Vis, qualche cambiamento in corso c’è stato. Giacomo Genovese, capitano coraggioso ed ex di turno in questa serie finale, non ci sarà, impegnato per lavoro al Nord d’Italia. Al suo posto la Dirigenza ha raddoppiato l’impegno. Dalla Ranieri International Soverato di C1 è arrivato Antonio Cioffi, anche lui un ex di turno, giocatore fuori-categoria che militava in B2 fino a tre anni fa. Accanto a lui sul finale di torneo è arrivato l’ex Cap,Peppe Barbera giovane di belle speranze reduce dal campionato vinto con il San Filippo di coach Romeo nella Serie D siciliana.

Passiamo in casa Gioiese. Una pedina determinante per l’inerzia del torneo, l’americano Chris Balliro, statunitense con trascorsi in Serie A ed in tante squadre della penisola  ha fatto le valige a metà stagione per motivi personali. La Dirigenza Gioiese ha raddoppiato l’impegno prendendo un cavallo di ritorno, Manu Gallo, e l’inglese James Warwick. Da queste due pedine nel nuovo gioco dei pianigiani passeranno molti palloni, anche nella serie di finale.

I coach

La Gioiese è allenata dallo stesso coach che tre anni orsono raggiunse il traguardo della vittoria in C Regionale. Parliamo di Ugo Latella, premiato comemiglior coach al ReggioacanestroDay del 2008 anche se, in quella stagione l’allenatore aspettava ancora l’ambito tesserino da coach(supportato da Giorgio Colarullo). Negli anni di C1 Ugo Latella ha agito come vice dei quattro coach che si sono alternati al PalaMangione(Napoli-Chiarella-Iracà e Fantozzi).

 

Dopo tanti e variegati progetti (tre anni fa era praticamente il Dirigente esecutivo di ben cinque formazioni traC2,Serie D e Femminile), arriva alla finalissima con una voglia di vincere estrema. Parliamo di coach Santo Surace per tante stagioni deus ex machina della Frassati, adesso diventata Abba. L’allenatore reggino ha messo da parte i suoi progetti personali per dedicarsi anima e corpo alla conquista della C1 con i colori della Vis.Da coach 2010-11 ha perso solamente una partita e non vuole sbagliare quest’importante appuntamento. Il futuro? E’ tutto da programmare nel presente bisogna vincere questo campionato.

Giovanni Mafrici

Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons