Catanzaro-Empoli, l’analisi della gara

CATANZARO – Nella quinta giornata del campionato di serie B girone C, la Mastria Vending Catanzaro torna al successo davanti al proprio pubblico conquistando, alla fine di una gara equilibrata per 35’, due preziosi punti nei confronti della diretta concorrente USE Computer Gross Empoli. Una partita tirata, giocata per gran parte punto a punto con le difese assolute protagoniste. Un punteggio che ha stentato a decollare con i tiratori toscani praticamente imbrigliati nella rete giallo-rossa. Empoli chiude con soli 52 punti realizzati, 28 dei quali suddivisi in egual misura tra i propri migliori realizzatori Samoggia (14) e Terrosi (14). Catanzaro non brilla per prolificità in attacco ma si coccola il proprio giovane capitano che di punti ne mette a segno 23 dei quali ben 20 realizzati alla fine dei primi due quarti di gioco.

Una partita molto equilibrata dicevamo. Gli uomini di coach Bassi soffrono da subito la difesa alta dei padroni di casa che impedisce loro di arrivare sotto canestro. I bianco-rossi  provano così (riuscendoci) ad infilare la retina dei calabresi dai 6.75. Alte le loro percentuali dal perimetro nei primi due tempi (6/13 con un 46% da 3 pt contro il 4/13 pari al 31% dei giallo-rossi) con Samoggia e Terrosi su tutti. Dall’altra parte Carpanzano sembra essere il solo a riuscire a tenere testa agli avversari. Macina chilometri, cattura rimbalzi e soprattutto segna. Si arriva al 20’ con il risultato di 33-33. Un’assoluta parità che di fatto annulla ogni tentativo di allungo delle due squadre che, al rientro dagli spogliatoi, daranno vita ad un terzo periodo di infiniti tira e molla. Le percentuali si abbassano sensibilmente e gli errori, spesso banali, finiscono per alimentare un nervosismo che sfocia in un fallo antisportivo fischiato a Naso ed un fallo tecnico a Samoggia, ma soprattutto con l’inficiare ogni tentativo dei due schieramenti di volgere a proprio favore l’inerzia del match, sicché al 30’ il tabellone segna il 46-43 a favore dei padroni di casa.

Tra gli errori anche le basse percentuali dalla lunetta (la Planet chiuderà con 16/28 contro il 5/7 di Empoli), lunetta dalla quale però si dimostra estremamente preciso Antonio Rotundo quando, a 5’ dal termine della gara, subendo fallo da Samoggia su tiro da 3 pt realizza un 3/3 che regala alla Mastria il +8 (57-49). L’USE ci crede ancora, e lo farà fino alla fine nonostante i soli 9 punti segnati negli ultimi 10’, anche se la partita può praticamente considerarsi chiusa sul tiro dalla distanza di Sereni che a poco più di un minuto dal suono della sirena insacca la tripla del 61-51. Finisce 65-52 tra gli applausi del pubblico ad una Planet che in sole quattro settimane dal debutto ha dimostrato di sapere e poter essere altro rispetto alla prova iniziale, soprattutto di fronte ad un avversario combattivo, che non ha mai mollato la presa ed ha cercato di insidiare i locali fino alla fine. Decisivo l’ultimo parziale di 19-9 grazie al quale i giallo-rossi portano a casa la terza vittoria stagionale e il sesto posto in classifica a quota 6 punti. Stesso bottino di Empoli che in Calabria subisce, senza demerito, la prima sconfitta esterna stagionale.

 

Questi tutti i risultati della quinta tornata della serie B/C: Roma Gas Eurobasket Roma – Nuova Aquila Palermo 81-77, BPC Virtus Cassino – Al Discount Dynamic Venafro 91-64, Cesarano Scafati – Stella Azzurra Roma 79-63, San Michele Maddaloni – Luiss Roma 81-67, Palestrina – Stella Azzurra Viterbo 71-62, In Più Broker Scauri – Givova Napoli Basket 70-78, Il Globo Isernia – Oasi di Kufra Fondi 93-87.

 

MASTRIA VENDING CATANZARO – USE COMPUTER GROSS EMPOLI 65-52

(12-15, 33-33, 46-43)

CATANZARO: Fratto ne, Carpanzano 23, Calabretta ne, Naso 12, Latella 4, Abassi 4, Di Dio 8, Sereni 7, Infelise, Cossari, Rotundo 7. Coach: Pullano-Cattani

EMPOLI: Samoggia 14, Mariotti 5, Sesoldi 1, Terrosi 14, Scali ne, Ghizzani 2, Pinzani ne, Mascagni 7, Berni 2, Balducci ne, Bei 7. Coach: Bassi

ARBITRI: Danilo Lucarella di Leporano (TA) e Denny Lillo di Brindisi

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons