Catanzaro,esordio col botto

 

 

CATANZARO: Debutto da incorniciare per la Planet Catanzaro in trasferta alle Final Eight di Adecco Cup a Rimini. Alla prima assoluta, i giallo-rossi non steccano l’appuntamento con la propria storia superando la Virtus Imola alla fine di una gara condotta sempre in vantaggio e dominata per larghi tratti. Gli uomini guidati da coach Tunno partono in grande spolvero lasciando agli avversari nel primo tempo pochissimo spazio ed iniziative. Un parziale praticamente perfetto chiuso con il risultato di 21-12 e condito dalle triple di Mercurio e Carpanzano sembra dare il via ad un game-show Planet. Dopo il primo tempo però le mani dei cecchini giallo-rossi si raffreddano ma non l’intensità in difesa dettata da coach Tunno che si rivelerà alla fine vera chiave della partita. Imola non trova varchi e quando ci prova dal perimetro si scontra con la lucidità difensiva dell’Assitur che costringe gli avversari ad un negativo 0/19 dalla linea dei tre punti. 8’ di black-out in attacco per Catanzaro a cavallo fra secondo e terzo quarto sembrano permettere ad Imola di poter recuperare. I giallo-neri di coach Solaroli firmano un importante break di 0-9 passando dal 32-24 del 17’ al 32-33 al 25’. Ma i romagnoli sono in serata decisamente no e sul fronte Planet ci pensano le triple di Cattani e Scuderi a ristabilire le debite distanze (40-35 al 28’) spianando la strada alla volata giallo-rossa che nell’ultimo periodo toccherà anche le 15 lunghezze di vantaggio (53-38 al 27’). Il debutto in Adecco Cup dell’Assitur Planet Catanzaro termina con il finale di 55-42, una partita giocata essenzialmente sulla difesa, uno scarto abissale se rapportato al risultato di fine gara nel quale spiccano le sole doppie cifre di un dominante Fall (18 punti e 13 rimbalzi) e di Grillini (12) in casa Imola. A fine partita i commenti arrivano dalla coppia Tunno-Ceroni. “Una prestazione immensa dei ragazzi in difesa – il commento dell’assistant coach della Planet. Siamo stati bravissimi a limitare le loro iniziative in attacco con la sapiente guida tattica di coach Tunno in panchina e quella del capitano Andrea Cattani in campo”. “Chiave della partita è stata sicuramente una difesa lucida e cattiva – fa eco coach Fabrizio Tunno – che ha ben saputo arginare i loro esterni. Abbiamo avuto un ottimo approccio nel primo quarto con Mercurio sugli scudi, poi ci ha penalizzato qualche difficoltà in attacco”.

Superato il primo scoglio, ora l’Assitur è semifinalista e questo pomeriggio alle 14:15 nell’arena “Parigi 1999” incontrerà la Luiss Roma. “Una squadra da cui sono stato positivamente impressionato – il parere di Fabrizio Tunno. Un roster che esprime un invidiabile connubio di doti fisiche e tecniche, certamente una fra le migliori della competizione”.

ASSITUR PLANET CATANZARO – NPC VIRTUS IMOLA 55-42

(21-12, 32-26, 42-35)

CATANZARO: Carpanzano 5, Scuderi 8, Sereni 3, Mercurio 9, Fall 18, Rotundo, Calabretta ne, Cossari, Cattani 9, Ippolito 3. Coach: Tunno

IMOLA: Pieri, Grillini 12, Massari 4, Preti 6, Porcellini 9, Dall’Osso, Sabattani 5, Corazza, Di Placido, Guglielmo 6. Coach: Solaroli

ARBITRI: Giuseppe Langella, Gianluca Cassiano, Luigi Ruffini.

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons