Città di Cosenza batte la Vis

 

 

Cronache da derby:Un PalaBotteghelle caloroso,con tante presenze e festante ha accolto le gesta del derby di Calabria.

Reggio Calabria contro Cosenza:Un derby appassionante che sorride ai “corsari” cosentini che onorano il cuore rosso-blu stampato sull’abbigliamento di gioco, sfoderando una prova molto concreta a cospetto di una Vis non convincente come nelle due uscite precedenti contro Green e Porto Empedocle.

Termina qui l’imbattibilità in campionato dei giovani di D’Arrigo che pagano a caro prezzo un roster ridotto complice la pesantissima assenza del tiratore peloritano Peppe Carnazza,in panca solo per onor di firma per un problema alla schiena.

Città di Cosenza conferma le novità della vigilia:Non ci sono più Ginefra,Lasorte e Danese.In attesa del completamento del roster è stato firmato un ottimo giocatore:il regista classe 1991 Tancredi Rotundo da Catanzo, giocatore con tante e valenti esperienze nel suo bagaglio(giovanili Fortitudo Bologna ed un anno nel roster del Barcellona di Lega Due.Il suo apporto è stato importantissimo fin dal suo esordio.

I quintetti della sfida

La Vis Reggio schiera il quartetto Nuova Jolly formato da Vozza,i fratelli Costa e Tramontana affiancato al Capitano Grasso.L’unico inserimento dalla panchina sarà il ’95 Barrile.

Risponde Città di Cosenza di Coach Binetti con la new entry Rotundo a portare la palla ben affiancato da Nicco  Guzzo,Peppe Lombardo in ala piccola con gli ex di turno Vazzana e Pellegrino,sospinti da una rumorosa curva dedicata e rumorosa.

La cronaca:

La Vis sembra partire bene ma è soltanto un’illusione.

Cosenza dopo qualche minuto di studio passa in vantaggio ed appare già più convincente degli avversari.

Dopo un primo periodo equilibrato, gli ospiti spiccano il volo raggiungendo il vantaggio in doppia cifra con Tancredi Rotundo bravo nel rompere i ritmi e concretizzare con cura.

Coach Binetti azzecca la difesa giusta e blocca gli attacchi reggini :troppe palle perse e troppi i pallonivolati lontano dal parquet su ribaltamento.

Note dolenti per la Vis che è costretta a far sedere Pasquale Tramontana che commette troppo presto tre falli personali

I rosso-blu,invece,si dimostrano essenziali ed efficaci:il giovane Coscarella gioca una grande partita mostrando grinta in difesa e realizzando un quattro su quattro da due che spiana la strada ai silani.

D’Arrigo si gioca la carta Barrile:la tripla del prodotto del vivaio nero-arancio da l’illusione di una riscossa ma Cosenza risponde colpo su colpo.

Il vantaggio ospite cresce ed il 19 a 35 dell’intervallo lungo non è un buon segnale per la Vis.

Alla ripresa segna solo Città di Cosenza:Una tripla di Vazzana, uno dei migliori in campo, firma il più venti, Guzzo e Lombardo giocano molto bene costringendo la Vis ad inseguire.

Le disperate incursioni di rimonta dei reggini saranno vane.Percentuali basse al tiro ed una serata da dimenticare.

Cosenza,invece, resiste nonostante il raggiunto limite di falli di Vazzana(il suo urlo liberatorio nella nostra immagine di copertina descrive già la vittoria dei rosso-blu) e Rotundo e fa esordire il giovane Calabrese.

La Vis trova un “disco rosso” dopo due buone prove.Cosenza,dopo tante piccole rivoluzioni può gettare le basi per un campionato tutto da scoprire.


Vis Reggio Calabria-Città di Cosenza Nertos 58-66

(10-13,19-35,37-48)

Vis:Vozza 7,D.Costa 6,Tramontana 16,Grasso 13,Barrile 3,Carnazza ne,R.Costa 13,Ielo ne,Cedro ne.All Checco D’Arrigo

Città di Cosenza:Rotundo 8,Pellegrino 6,Guzzo 11,Lombardo 1,Coscarella 8,Vazzana 18,Calabrese.All Francesco Binetti

Arbitri Angelo Mucella De Gaetano di San Filippo del Mela e Carlo Di Giorgi di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons