Condoglianze alla famiglia Mazzetto

 

 

 

Chi era Massimo Mazzetto?

 

Padovano di nascita, già dal 1978 inizia a giocare nelle giovanili della squadra della sua città, la Pallacanestro Petrarca Padova. Il suo esordio in prima squadra avviene nel 1982, in Serie B.

Resta a Padova fino al 1985, e viene convocato nella nazionale Juniores che partecipa agli Europei 1984 in Svezia e che si piazza al secondo posto (medaglia d’argento). Il grande salto avviene nella stagione 1985/86, quando si trasferisce alla Viola Reggio Calabria in Serie A1.

Con la Viola allenata da Gianfranco Benvenuti indossa la maglia numero 14 e disputa un’ottima stagione: 30 presenze al fianco di giocatori come Kim Hughes, Donato Avenia, Mark Campanaro, Luigi Mentasti, Massimo Bianchi. Al termine della stagione, ormai considerato una delle promesse più talentuose del basket italiano, ottiene la convocazione in Nazionale maggiore come “riserva a casa” per i Mondiali 1986 in Spagna.

 

La sera del 17 giugno 1986 Massimo Mazzetto era a Reggio in compagnia di alcuni amici, e stava ritornando a casa. Nel tentativo di superare un’automobile parcheggiata all’altezza del tornante che unisce via Reggio Campi e via Possidonea, per evitare un autobus che arrivava in direzione contraria, Mazzetto fece un salto su un muretto: perse però l’equilibrio e cadde tragicamente da un’altezza di circa nove metri.

In condizioni disperate, con fratture e lesioni interne, venne sottoposto ad una delicata operazione. Tuttavia alle ore 12:30 del giorno successivo si spense in seguito ad un arresto cardiaco.

 

In ricordo di Massimo Mazzetto è annualmente organizzato il “Torneo Massimo Mazzetto”, giunto nel 2011 alla 25a edizione e destinato alla categoria esordienti.

Il comune di Reggio Calabria ha dedicato il palazzetto dello sport del centro di allenamento della Viola Reggio Calabria (sito nel rione Modena) proprio al giocatore padovano, intitolandolo appunto “PalaMazzetto”.

Nel Piazzale del PalaBotteghelle,invece, i cittadini possono ancora ammirare un monumento intitolato proprio alla memoria dell’atleta.

 

Ecco lo speciale dedicato all’atleta in occasione dei 25 Anni dalla scomparsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons