Confessore crede nella sua Ccb

 
Sabato contro il CAP oltre all’assenza del nostro “principe” Aceto, si sono aggiunte all’improvviso le assenze dei nostri due lunghi Scarcello e Silipo e in campo si è sentita molto la loro mancanza, abbiamo sofferto molto a rimbalzo, non riuscivamo a difendere e di conseguenza abbiamo avuto molti problemi ad attaccare contro la zona del CAP.

Il tuo coach ha parlato dell’atteggiamento,negativo del pacchetto under nell’ultima sfida contro il Cap dove siete arrivati senza tante pedine fondamentali.Che consigli puoi dare ai tuoi giovani compagni?

Il coach ha perfettamente ragione è stato sicuramente un problema mentale di approccio alla gara, mancanza di cattiveria agonistica sembravamo dei manichini, spettatori non paganti, peccato perché in tutta onestà non penso ci siano 30 punti di differenza tra le due squadre.
Ai miei giovani compagni, che ancora stanno soffrendo il salto di categoria, posso ripetere quello che gli dico durante la settimana di lavoro: di stare tranquilli, di ascoltare quei piccoli consigli che noi “grandi” gli diamo giorno per giorno, di lavorare sodo che i risultati prima o poi arriveranno, di non aver paura degli avversari e soprattutto di pensare a divertirsi il più possibile perché hanno la fortuna di giocare allo sport più bello del mondo.

Jbl,Cus,Ccb, chi lotterà per salvarsi oltre queste tre squadre secondo te?

Per quanto riguarda la salvezza sono in sintonia con te, CUS JBL e CCB ce la giocheremo fino alla fine, forse potrebbe rientrare nel gruppetto anche la NEW TEAM 2000 Crotone ma il campionato ancora è lungo e ci potrebbero essere sorprese.
Grazie per il lavoro che fai e che fa REGGIOACANESTRO per la Calabria cestistica, un saluto a tutti i giocatori e buon campionato!!! 

Intervista di Giovanni Mafrici per Reggioacanestro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons