Cras con grinta

 

 

CATANZARO – “Siamo una famiglia, tutti abbiamo un ruolo ma allo stesso modo siamo tutti intercambiabili adattandoci alle diverse esigenze, sia in campo che fuori”. Anche per la stagione 2013/14 sembrerebbe essere questo il motto della CRAS Catanzaro di coach Anna Astorino alle prese con la preparazione pre-campionato iniziata la settimana scorsa con le prime sedute di atletica e proseguita con le sessioni tecniche. L’inizio del campionato di serie D è ancora lontano ma già si lavora alacremente sul campo del Pala Greco, anche per quest’anno casa dei ragazzi in canotta bianco-nera. Un gruppo in costruzione sull’ossatura della passata stagione quando la squadra di coach Astorino contese alla reggina Target il lasciapassare per la C Regionale. E’ proprio coach Astorino – entusiasta, piena di iniziative e voglia di fare – che prospetta la nuova formazione per la stagione 2013/14. Non ci saranno più Paoletti e Gianmaria Celia, che per motivi personali hanno intrapreso strade differenti, ma il roster si è arricchito con l’ingresso di Gigi Curia e dell’ex JBL Enrico Santoro, classe ’92 che proprio da oggi si dovrebbe aggregare al resto della squadra. Una squadra che – per ammissione della stessa allenatrice – appare per il momento ancora debole sotto canestro dove mancano centimetri importanti per essere concorrenziali con gli avversari. Proprio per questo, voci di corridoio danno per avviati contatti tra la Società catanzarese e l’ex Soverato Roberto Rizzo. Se la notizia sarà confermata, la sua presenza potrebbe permettere alla CRAS di colmare la lacuna creatasi con l’addio di Paoletti e G. Celia. Confermato invece tutto lo staff medico e dirigenziale nonché la collaborazione con il preparatore atletico Valerio Tolomeo con il quale – afferma Anna Astorino – lavoro oramai già da tre anni e con il quale vi è perfetta sintonia. E, tornando all’entusiasmo del coach, è la stessa Anna ad affermare che al momento l’aspetto più importante è “esserci”. Purtroppo – continua il coach – non siamo una squadra che può contare su un florido settore giovanile o dotata di grandi disponibilità economiche che ci permettano di disputare campionati di più alte categorie. Io sono contenta di essere in campo – continua – per lavorare assieme, divertirsi e far crescere i tanti ragazzi che prendono parte al nostro progetto. E quando le si chiede una previsione sul prossimo campionato, senza dubbio ammette che potrebbe essere certamente più divertente e competitivo della ridotta C regionale in programma per la stagione 2013/14 ma anche più stimolante rispetto allo scorso anno. Al momento infatti non sembra esserci una squadra “ammazza campionato” né tantomeno una “cuscinetto”. Fra le favorite – conclude – vedo certamente la CCB, colonia dell’ex JBL, e la Kleos ma noi, anche se non sarà facile, proveremo ugualmente a bissare i risultati dello scorso anno.

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons