DAI CLUB:PESANO LE ASSENZE, IL COMMENTO DELLA PALLACANESTRO VIOLA

Continua la striscia negativa della Pallacanestro Viola che, orfana di Mascherpa e Sebrek, cade in casa della Mastria Academy di Catanzaro al termine di una sfida che sembrava già finita dopo tre quarti, e che invece gli uomini di Coach Bolignano sono riusciti a rimettere in piedi e giocarsela fino all’ultimo istante, vendendo cara la pelle ai padroni di casa. Finirà 73-69 in favore della Mastria – scrive la nota del club.

Nel primo quarto di gioco c’è solo una squadra in campo ed è quella di coach Fabrizio Tunno, con Catanzaro che vede una vasca da bagno al posto del canestro (24 i punti dei padroni di casa nei primi dieci minuti). Sugli scudi l’ala forte Morciano che mette una bomba dopo l’altra pe fa volare Catanzaro sul +10, scarto con il quale si chiuderà il primo quarto.

I secondi dieci minuti di gioco sono decisamente più equilibrati, con Genoveseche inizia a scaldare la mano per la Viola (“scriverà” 28  a fine partita) e Battaglia che non è da meno dall’altra parte per i padroni di casa. Sua la bomba con la quale si chiuderà il secondo periodo, con le squadre che andranno all’intervallo lungo con il punteggio di 40-27 in favore della Mastria.

Al rientro dall’intervallo lungo è sempre più Battaglia show per i padroni di casa, con il numero 6 dei giallorossi autentico trascinatore dei suoi. La Viola sembra già aver finito la benzina e scivola fino al -15, scarto con il quale si chiuderà il terzo periodo.

Nel quarto periodo Catanzaro non ha fatto i conti con il cuore di una Viola tutt’altro che morta. Incredibile parziale di 2-15 nei primi 5 minuti del quarto in favore del team neroarancio, con Roveda, Gobbato e capitan Barrile sugli scudi, oltre al solito Genovese, che permettono addirittura alla Viola di effettuare il sorpasso a tre dalla fine grazie ad un canestro di Gobbato. Catanzaro però non si arrende ed effettua il controsorpasso trascinata dal solito Battaglia. Sarà lo stesso Battaglia negli ultimissimi secondi di gioco a fare 1 su 2 in lunetta, portando Catanzaro sul +2. La Viola ha la palla della vittoria con Gobbato che ci prova da 3 punti, ma il suo tiro si stampa sul ferro. Termina 73-69 in favore della Mastria. Seconda vittoria in campionato per Catanzaro, la prima fra le mura amiche del PalaPulerà.

TABELLINI

Mastria Sport Academy Catanzaro – Pallacanestro Viola Reggio Calabria 73-69 (24-14, 16-13, 21-19, 12-23)

Mastria Sport Academy Catanzaro: Pasquale Battaglia 20 (5/7, 2/5), Francesco Morciano 15 (2/4, 3/4), Gabriele Petronella 13 (2/4, 3/5), Marco Cucco 7 (1/2, 1/7), Gioele Moretti 6 (0/1, 2/4), Daniele Tomasello 6 (3/4, 0/0), Franco Gaetano 4 (2/3, 0/0), Andrea Procopio 2 (1/1, 0/0), Roman Tchintcharauli 0 (0/0, 0/0), Matteo Mastria 0 (0/0, 0/0), Gabriele Scianaro 0 (0/0, 0/0), Jovan Miljanic 0 (0/0, 0/0)          Coach Tunno

Pallacanestro Viola Reggio Calabria: Salvatore Genovese 28 (6/13, 3/5), Edoardo Roveda 13 (4/8, 1/2), Enrico maria Gobbato 13 (3/9, 1/4), Fortunato Barrile 9 (2/4, 1/5), Yande Fall 4 (2/7, 0/0), Marco Prunotto 2 (1/5, 0/0), Giovanni Centofanti 0 (0/1, 0/0), Paolo Frascati 0 (0/0, 0/0), Federico Romeo 0 (0/0, 0/0), Giulio Mascherpa 0 (0/0, 0/0)                                                                                                                                         Coach Bolignano

Show Buttons
Hide Buttons