DEBACLE PALLACANESTRO VIOLA, MENO VENTITRE IN CASA

Serataccia: gli arbitri “buttano fuori” Coach Bolignano e Gaetano, ma la squadra è irriconoscibile.

Troppo brutta, realmente una serataccia.

Il 2022 della Pallacanestro Viola è iniziato nel peggiore dei modi.

Davvero un brutto spettacolo a cospetto di un Cus Jonico scatenato che dilaga sul finale.

Quanto pesa l’assenza del Capitano Barile? Tantissimo ma non è l’unico dato da sottolineare.(e se consideriamo che fu lui l’mvp di gara cinque salvezza contro Avellino l’anno scorso, capirete quanto sia importante a sua presenza)

I reggini, dopo essersi nuovamente risvegliati dopo quattro sconfitte consecutive grazie alle vittorie con Monopoli e Cassino, sembrano essere rientrati a pieno in un tunnel davvero tragico.

Fallito l’aggancio in zona PlayOff toccherà guardarsi alle spalle sin dalla prossima giornata in casa dell’avversaria di sempre, Avellino, oggi allenata dall’ex Giovanni Benedetto supportato dall’ex Mastria Formato.

La partita: solito quintetto per i reggini con Balic,Ingrosso,Klacar,Duranti e Fall.

Taranto risponde con Erkmaa,Conti,Sergio,Diomede e Ponziani.

Cj sugli scudi con il gioco interno di Ponziani. 

I ragazzi di Coach Olive riescono ad andare avanti anche sul più nove fino al più sette di fine primo periodo.

Troppo nervosa la squadra reggina: gli arbitri non hanno un buon feeling con i nero-arancio e sanzionano il primo tecnico per Coach Bolignano all’interno di una serata ricchissima di sanzioni per i locali.

Nel secondo quarto, Reggio prova a mordere ed arriva per be tre volte vicino alla “preda” con soli due punti da recuperare.

Brillante stoppata di Klacar ma statistica da rivedere al tiro.

Nel terzo quarto Fall dalla lunetta realizza i due liberi del pareggio reggino ottenuto dopo una lunga rincorsa.

Lo stesso  è più che illusorio:tra antisportivi e tecnici, la Pallacanestro Viola s’innervosisce e mostra un basket timido e nervoso.

Il Cus Jonico vola in un attimo sul più quindici prima di armare il fuoco con lo scatenato Gambarota, atleta protagonista della seconda parte di gara.

Espulso Coach Bolignano prima e Franco Gaetano successivamente per proteste.

Il secondo rischierà di non poter giocare la prossima sfida, decisiva in chiave salvezza contro Avellino.

Non sappiamo ancora se la società opterà per correttivi, o movimenti di mercato.

I fischi, questa sera non sono solamente per gli arbitri.

Questa squadra deve darsi “una mossa”immediata per non vanificare gli sforzi della società e dei tifosi, sempre più infreddoliti in un PalaCalafiore che stenta ad entusiasmarsi.

Dov’è finita la squadra dinamica e rampante che ha vinto a Ruvo e Molfetta?

Coach Bolignano aveva sottolineato gravi problemi per allenarsi ed in sintesi, aveva ragione: questa squadra, da oggi in silenzio stampa, non punge e deve cambiare marcia.. in fretta.

Il Cus Jonico si prende una giusta rivincita, sontuosa con 23 punti di scarto finale ribaltando la sconfitta della passata stagione e ritornando di gran carriera in piena zona post-season.

 

Pall. Viola Reggio Calabria – CJ Basket Taranto 63-86

(18-25, 16-11, 14-27, 15-23)

Pall. Viola Reggio Calabria: Bruno giuseppe Duranti 14 (4/8, 2/9), Yande Fall 13 (3/10, 0/0), Federico Ingrosso 11 (3/5, 1/3), Amar Balic 10 (5/7, 0/3), Amar Klacar 10 (2/5, 2/5), Franco Gaetano 4 (2/5, 0/1), Samuele andrea Valente 1 (0/0, 0/1), Alberto Besozzi 0 (0/0, 0/0), Fabio lorenzo Freno 0 (0/0, 0/0), Vittorio Lazzari 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 17 – Rimbalzi: 40 10 + 30 (Yande Fall 16) – Assist: 11 (Amar Balic 7)

CJ Basket Taranto: Alberto Conti 21 (6/10, 0/2), Riziero Ponziani 17 (7/14, 0/0), Giovanni Gambarota 14 (2/2, 3/6), Biagio Sergio 13 (2/3, 3/6), Manuel Diomede 10 (1/7, 2/5), Hugo Erkmaa 6 (0/2, 2/6), Ricards Klanskis 5 (1/1, 0/1), Luca Cianci 0 (0/0, 0/1), Andrea francesco Liace 0 (0/0, 0/1), Lorenzo Porcelluzzi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 18 / 31 – Rimbalzi: 37 11 + 26 (Biagio Sergio 9) – Assist: 14 (Giovanni Gambarota, Hugo Erkmaa 3)

Show Buttons
Hide Buttons