DNC: Assitur Planet, ora è semi-finale play-off

 

Mancano ancora 20” allo scadere dei 40’ regolamentari ma in campo non si gioca più. Il risultato è tale (84-58) che già da tempo l’Assitur Planet Catanzaro assapora, tra l’entusiasmo del proprio numeroso pubblico, l’accesso in semi-finale play-off. Questo l’epilogo di gara 3 dei quarti di finale contro la Redel Vis Reggio Calabria che non ha ricalcato i copioni degli atti precedenti, risoltisi solo nelle battute finali. Domenica sera i reggini si sono arresi già nel terzo tempo alla supremazia dei padroni di casa, complice anche l’assenza di Gjnaj richiamato in panchina da coach D’Arrigo dopo aver commesso il quarto fallo. Era il 27’ e sul parziale di 48-44, dopo una prima parte di gara senza particolari strattoni, la Planet ha infilato in 4’ il break di 18-0 con cui ha praticamente chiuso i conti al 31’ (66-44).

Ma procediamo con ordine. La tanto attesa gara 3 della sfida tutta calabrese tra Assitur e Redel è stata orfana di due pedine fondamentali. Nei due schieramenti assenti eccellenti sono stati Cattani (squalificato dopo l’espulsione in gara 1) e Zampogna (infortunatosi in gara 2). Coach Chiarella ha puntato sul quintetto formato dal capitano Scuderi, Rotundo, Salvadori, Ippolito e Fall; coach D’Arrigo ha ribattuto con Marseglia, Saccà, Pellicanò, Grasso e Gjnaj. Dopo la tripla iniziale di Marseglia, la Planet si è imposta subito con Rotundo, Scuderi e Fall che nei primi 4’ di gioco hanno portato il risultato sul 10-4. La Redel è stata pronta a ribattere grazie alle conclusioni di Vazzana e Grasso e alle triple di Pellicanò e Saccà con cui ha annullato lo svantaggio accusato portandosi avanti di una lunghezza (17-18 all’8’). I giallo-rossi sono riusciti comunque a chiudere in vantaggio la prima frazione grazie a 3 punti di Fall che ha capitalizzato il rimbalzo offensivo catturato su tiro sbagliato di Scuderi e poi, subendo fallo da Saccà, ha realizzato l’ultimo tiro libero per il 20-18 del primo mini intervallo. Anche la seconda frazione ha visto i padroni di casa sempre avanti ma senza impensierire troppo gli avversari. Il massimo stacco del tempo si è registrato sul +7 Planet (37-30 al 18’) firmato da Cossari dalla lunetta. La Vis ha fatto affidamento sui tiri liberi (nell’ordine Grasso, Pellicanò e Marseglia), Catanzaro su Mercurio e Scuderi che hanno mandato le squadre negli spogliatoi con il parziale di 41-35.

Dopo l’intervallo lungo, la gara è continuata sulla falsariga dei quarti precedenti. Scuderi e Fall (ancora i migliori in campo con 21 punti e 28 divalutazione il primo, 18 punti e 34 di valutazione il secondo) per i padroni di casa e Gjnaj, Marseglia e Saccà per gli ospiti hanno portato le rispettive formazioni sul 48-44 del 27’. A questo punto la Redel ha perso, come detto, una pedina fondamentale del suo già esiguo scacchiere quando Gjnaj è stato richiamato in panchina da coach D’Arrigo dopo aver commesso il suo quarto fallo su Fall. L’Assitur è diventata così inarrestabile, i giallo-rossi sospinti dall’entusiasmo hanno piazzato tra terzo e quarto tempo il parziale di 18-0 con cui hanno chiuso praticamente i giochi al 31’ (66-44). Il digiuno dei bianco-azzurri è stato rotto dopo 4’ dalla tripla di Marseglia ma oramai non vi era più nulla da fare. Di fronte la Redel ha trovato un avversario lanciatissimo che, seppur in largo vantaggio, non ha concesso molto. Coach Chiarella ha così richiamato in panchina le prime linee concedendo loro un po’ di riposo e qualche minuto in campo a chi fino ad ora ha giocato poco. Unico neo l’infortunio alla mano del capitano Andrea Scuderi al 32’ subìto dopo aver segnato il canestro del 70-47 che, si spera, non precluda al giovane la partecipazione alle semi-finali.

Gara 3 finisce 84-58 in un Pala Pulerà in tripudio per il traguardo raggiunto dai ragazzi di coach Chiarella che domenica prossima affronteranno da semifinalisti la Formatalia Acireale in una serie sempre al meglio delle tre gare in cui Catanzaro, che potrà contare sul rientro di Andrea Cattani, giocherà in casa gara 2 infrasettimanale e in trasferta gara 1 e l’eventuale gara 3.

La Redel Vis Reggio Calabria invece arresta la propria stagione 2012/2013 alla prima fase di post-season con un bilancio sicuramente inferiore alle attese di pre-campionato.

Fattore campo confermato anche in gara 3 dell’altro quarto di finale tra Basket Gela e Gaudium Basket Canicattì con i padroni di casa giunti in semi-finale dove troveranno l’ostacolo CUS Messina.

ASSITUR PLANET CATANZARO – REDEL VIS REGGIO CALABRIA 84-58

(20-18, 41-35, 64-44)

CATANZARO: Rotundo 7, Carpanzano 8, Salvadori 4, Ippolito 11, Scuderi 21, Palazzo, Cossari 2, Mercurio 13, Munizzi, Fall 18. Coach: Chiarella

REGGIO CALABRIA: Zampogna, Grasso 10, Vazzana 6, Marseglia 13, Pellicanò 17, Semeraro, Gjnaj 7, Saccà 5, Stracuzzi, Cedro. Coach: D’Arrigo

ARBITRI: Marco Barbiero e Marco Guarino di Campobasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons