DNC: Assitur-Redel, gara 1 va ai reggini

 

“La cosa “brutta” del play-off è che si riparte totalmente d’accapo. Si azzerano tutti i vantaggi ottenuti eccezion fatta per il fattore campo”: queste le parole del capitano giallo-rosso Andrea Cattani nell’intervista di Giovanni Mafrici alla vigilia del derby calabrese di post-season. Ebbene, sovvertendo il pronostico della vigilia, ieri sera la Redel Vis RC, sesta classificata alla fine del campionato, ha conquistato una importantissima vittoria in gara 1 dei quarti di finale play-off contro l’Assitur Planet Catanzaro, terza classificata, e per di più nell’infuocato (letteralmente) Pala Pulerà. La formazione reggina ha saputo tenere testa ai padroni di casa per quasi tutto il match. Pochi punti di vantaggio ma gestiti saggiamente approfittando di una serata non felice dei giallo-rossi in evidente difficoltà nel tiro dai 3 punti e con 23 palle perse all’attivo contro le 14 degli uomini di coach D’Arrigo. Un Assitur dipendente dalla coppia Scuderi-Fall, 44 punti in due sui 67 di squadra, ai quali si è aggiunta nell’ultima frazione l’ispirazione dal perimetro di Rotundo che con tre triple ha permesso ai suoi di mantenere un perfetto equilibrio fino ad una manciata di secondi dal fischio finale. La Redel invece ha giocato molto di squadra potendo contare su diverse pedine che a turno hanno indovinato le soluzioni migliori per fronteggiare gli avversari. E così, se nel primo tempo i 18 punti della Planet portano tutti la firma di Andrea Scuderi (10) e Yande Fall (8), gli ospiti sono sospinti dalle triple di Grasso e Zampogna e dai canestri di Pellicanò con cui frenano i vari tentativi dei padroni di casa chiudendo il primo tempo sul 18-20.

In avvio di secondo quarto Ippolito per la Planet segna in velocità il 4-0 che riporta i giallo-rossi in vantaggio. Poi per la Redel sale in cattedra Vazzana, 11 punti in 10 minuti e vero trascinatore dei reggini. La frazione è comunque molto bilanciata e il parziale di 20-20 rispecchia l’andamento del match. La formazione di coach D’Arrigo chiude così all’intervallo lungo conservando un piccolissimo margine di vantaggio (38-40).

Al rientro dagli spogliatoi la Vis vola subito sul +6 (39-45) con Gjnaj e Grasso. Sono Scuderi e Fall, sempre loro, a riequilibrare la gara sul 46-45. Botta e risposta fra i due schieramenti fino al 56-54 del 30’ quando Rotundo, in campo dopo l’ultimo riposo, esplode con tre triple consecutive lanciando l’Assitur nella prima e unica volata fino al 65-56 del 33’. Un vantaggio favorevole che i padroni di casa però riescono a dissipare in poco più di 3’ sotto i colpi di Pellicanò, Grasso e Gjnaj che firmano il parziale di 0-11 con cui la Vis si riporta in vantaggio (65-67). Rotundo segna il canestro della nuova parità (67-67) fino al tiro dal perimetro di Zampogna a pochi secondi dalla fine che apre la strada alla vittoria dei reggini (67-70). La Planet prova quanto meno ad infilare la tripla del pareggio con Cattani prima e Rotundo poi ma la serata è decisamente negativa. La certezza della vittoria per gli ospiti arriva a 10” dal termine con l’1/2 di Grasso dalla lunetta che fissa il finale sul 67-71.

L’Assitur ora dovrà necessariamente vincere domani sera al Pala Botteghelle per rimandare il tutto a gara 3 che si disputerà eventualmente di nuovo a Catanzaro. Di fronte naturalmente un avversario galvanizzato dal successo di domenica sera ma comunque cosciente che trovare una nuova vittoria al Pala Giovino non sarebbe impresa affatto facile e quindi predisposto a chiudere i conti già in gara 2.

Questi gli altri risultati di gara 1 dei quarti di finale play-off: CUS Messina – Nuova Jolly RC 78-61, Pol. Basket Gela – Gaudium Basket Canicattì 84-56, Formaitalia Acireale – Amatori Basket Messina 77-64.

ASSITUR PLANET CATANZARO – REDEL VIS REGGIO CALABRIA 67-71

(18-20, 38-40, 56-54)

CATANZARO: Rotundo 13, Carpanzano 2, Mercurio 2, Salvadori, Ippolito 4, Scuderi 20, Palazzo ne, Cossari ne, Cattani 2, Fall 24. Coach: Chiarella

REGGIO CALABRIA: Zampogna 14, Grasso 13, Vazzana 15, Marseglia 1, Pellicanò 15, Semeraro ne, Gjnaj 11, Saccà 2, Cedro ne. Coach: D’Arrigo.

ARBITRI: Marco Marsico e Pietro Rodia di Avellino

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Hide Buttons