DNC: La Planet ritrova il sorriso, battuto il Delta Basket Salerno

Una partita che, arrivati sul +22 nel terzo periodo (52-30 con libero di Cattani al 24’), avrebbe potuto scivolare via senza particolari affanni ma compromessa dai padroni di casa che hanno concesso un ritorno degli avversari arrivati ad insidiare i giallo-rossi fino al -2 (63-61 al 39’ con un 2/2 di Sammartino dalla lunetta). Decisivi sul finale una tripla e i tiri liberi di Andrea Pellicanò che hanno permesso ai calabresi di poter tornare al successo dopo la sconfitta di Monteroni. Coach Tunno parte in quintetto con Scuderi, Battaglia, Pellicanò, Fall e Pate mentre coach Menduto replica con Antonucci, Capaccio, Corvo, Esposito e Sammartino, uomini che i due allenatori terranno in campo fino alla fine dei primi 10’ ad eccezione del quintetto catanzarese con una rapida incursione di Cattani al posto di Fall. Nel primo quarto, abbastanza equilibrato, buon gioco corale del Catanzaro che andrà a segno con tutto lo starting five mentre i maggiori apporti per Salerno arriveranno da Antonucci e Corvo rispecchiando così quella che sarà la situazione finale. Al suono della prima sirena il tabellone segna 18-16. Nel secondo tempo la Planet Group accelera. Coach Tunno inizia a far ruotare la panchina portando sul parquet freschezza e velocità. Le percentuali si alzano sensibilmente soprattutto dal perimetro dove pesa la precisione dei cecchini catanzaresi a fronte di uno 0/5 dei campani. La presenza in area di Saccardo fa la differenza (in 9’ 8 punti e 6 rimbalzi). Il break decisivo al 18’ quando con un 7-0 a firma di Saccardo, Scuderi (tripla per lui) e Ippolito la Planet stacca arrivando sul +11 (36-25 al 19’). L’ultimo minuto è tutto per l’esperienza di Corvo e Cattani: il primo tenta di reagire ma il capitano la mette dentro dai 6.75 chiudendo all’intervallo lungo con 12 lunghezze di vantaggio (39-27). Un gap che aumenta ancora nei primi minuti della ripresa. Coach Tunno butta nella mischia anche Carpanzano (utilizzando così i 10/10 degli atleti a disposizione): pur non andando a punti il giovane catanzarese si distingue per velocità ed intraprendenza rubando tre importanti palloni (rispettivamente su Antonucci, Sammartino e Bertini). Ma è la coppia Saccardo-Cattani a spingere sull’acceleratore firmando il break di 13-3 con cui Catanzaro arriverà al 24’ a far registrare il massimo vantaggio della serata (52-30). Poi praticamente niente più. I giochi iniziano a rallentare notevolmente mentre Salerno ne approfitta per salire in cattedra e piazzare un contro-break di 2-16 con cui i blu-arancio riducono a 8 le lunghezze di stacco nei confronti dei padroni di casa (54-46). L’ultimo periodo si apre con Cattani che cerca di spingere la propria squadra, i campani lo fermano spesso fallosamente regalando al n. 14 giallo-rosso facili gite in lunetta. A metà tempo il tabellone luminoso segna un tranquillo +14 (60-46). Il Delta Basket si dimostra squadra perseverante e dura a morire. Antonucci, Bertini e Sammartino trovano con maggiore continuità la via del canestro arrivando ad insidiare pericolosamente i calabresi ed annullando quasi completamente lo svantaggio accumulato: 63-61 al 39’. Provvidenziale arriva l’ultima tripla di Pellicanò e la precisione del reggino dalla lunetta (2/2 su fallo di Corvo) per far rifiatare i presenti e rendere vani gli ultimi attacchi di Sammartino e Antonucci. Finisce 68-65 per la squadra del presidente Saladini che può così festeggiare la seconda vittoria in questo campionato. Ma soprattutto finisce con 68 punti messi a segno in modo esattamente equo tra i ragazzi dello starting five e coloro che sono partiti dalla panchina, ottimo esempio di un bel gioco di squadra.

Questi i risultati dagli altri campi: Magic Team 92 Benevento – Quarta Caffè Monteroni 87-82, Virtus Monte di Procida – Pall. Benevento 72-60, Juve Trani – Pall. Città di Airola 77-64, Dynamic Venafro – Cus Jonico Taranto 66-46, Libertas Basket Taranto – Pall. Molfetta 66-54, Megaride Basket Napoli – Pallacanestro Mola 71-70, AP Monopoli – Virtus Pall. Termoli non disputata.

PLANET GROUP CATANZARO – DELTA BASKET SALERNO 68-65

(18-16; 39-27; 54-46)

CATANZARO: Carpanzano, Battaglia 4, Pate 3, Ippolito 6, Zofrea 2, Scuderi 5, Pellicanò 11, Saccardo 12, Cattani 14, Fall 11. Coach: Fabrizio Tunno

SALERNO: Ambrosio ne, Antonucci 14, Bertini 11, Capaccio 2, Corvo 16, Balestrieri, Esposito 10, Sammartino 12, Boninfante ne, Norci. Coach: Orlando Menduto

ARBITRI: Salvatore Arbace e Luca Massari di Ragusa

 

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons