DNC: nasce la Planet Basket Catanzaro, prossima partecipante alla DNC

Reggio Calabria, Rosarno, Soverato ed ora Catanzaro…è vero, manca ancora la comunicazione ufficiale da parte della FIP, che arriverà tra qualche giorno, ma in via ufficiosa la sesta squadra calabrese a prender parte alla nuova DNC nella stagione 2011/12 sarà la Planet Basket Catanzaro. Un nome nuovo ad identificare un progetto altrettanto nuovo e molto, molto stimolante. Il tutto nato cinque anni or sono con una lungimirante pianificazione di chi ha creduto, puntato e lavorato nella pallacanestro giovanile. Tempo e soldi sprecati? Neanche per sogno. Dopo la rinuncia per motivi economici della Pallacanestro Catanzaro a rinnovare l’iscrizione al prossimo campionato di B Dilettanti, il basket catanzarese potrà ancora annoverare la presenza in un campionato nazionale grazie all’intraprendenza di un gruppo di persone vicine all’ambiente della pallacanestro che di propria iniziativa ha creato una società sportiva ex novo, la Planet Basket Catanzaro appunto, puntando sui tanti talenti che negli ultimi anni sono cresciuti e sono stati formati nel vivaio giallo-rosso. E’ proprio questo lavoro che ha permesso, a differenza di altre realtà, di poter ora vantare una squadra composta in gran parte da ragazzi del luogo. Ma come si svilupperà questo progetto? Naturalmente aspettiamo i comunicati ufficiali, che arriveranno probabilmente ad avvenuta comunicazione FIP che dovrà ratificare il passaggio del titolo dal Lucera alla Planet Basket Catanzaro che avrà quindi tutte le carte in regola per programmare la prossima stagione in DNC. Nel frattempo l’assemblea dei soci si riunirà per definire quelle che saranno le cariche direttive della neonata società che, partecipando al più alto campionato senior, sarà la nuova capostipite di quel network giallo-rosso in cui tanti gruppi e tanti ragazzi hanno fino ad ora lavorato. Proprio questo è uno dei significati del termine “Planet”, un pianeta multiforme e multi sfaccettato che permetterà la partecipazione dei propri ragazzi a tutti i campionati senior e giovanili per poter rinnovare il processo di crescita fisica, sportiva e umana inserendo sempre più giovani al proprio interno. E poi c’è il secondo richiamo di questo termine che chiunque sia o sia stato vicino alla pallacanestro catanzarese può facilmente immaginare e per questo il nome “Planet Basket” ci piace molto. Una squadra, come detto, formata in gran parte da ragazzi catanzaresi che negli anni scorsi hanno avuto già modo di distinguersi all’interno dei vari campionati disputati. Ma la partecipazione ad un campionato nazionale non sarà cosa tanto agevole. Per questo, obiettivo della neonata società dovrebbe essere quello di coinvolgere nel progetto un giocatore del calibro di Andrea Cattani, certamente un fuori categoria per una C Dilettanti. Da non dimenticare che proprio sotto la guida di un novello Cattani istruttore, molti di questi ragazzi iniziarono cinque anni or sono il proprio percorso sportivo nelle varie categorie under. Averlo ora come guida in campo sarebbe per loro un fondamentale punto di riferimento. Fermo restando che dovremo attendere ancora qualche giorno per conoscere i nomi degli atleti, visti anche gli impegni di studio e le scelte universitarie di alcuni di loro, il reparto dove probabilmente la nuova squadra dovrebbe colmare qualche pecca sarebbe quello dei lunghi. Ecco perché si starebbe già cercando di guardarsi intorno per puntellare questo giovanissimo roster con un paio di acquisti. Da verificare sul campo poi le condizioni di Luigi Carella, fermo da quasi otto mesi. Il ragazzo sembra aver recuperato dal grave incidente occorsogli nella passata stagione e star bene ma solo una volta in campo si potranno valutare le sue reali condizioni fisiche. Volontà della società è comunque quella di preservare il ragazzo da qualsiasi possibile ricaduta evitando reinserimenti troppo affrettati o pesanti. Ed infine la guida tecnica. Come già letto nei tanti rumors estivi, nuovo coach della Planet Basket Catanzaro dovrebbe essere Fabrizio Tunno che rientrerebbe così, dopo due anni da responsabile tecnico del settore giovanile, in un campionato nazionale. Anche per lui una sorta di passaggio di livello nel rapporto con i suoi ragazzi che ha allenato nei campionati regionali, curato come responsabile tecnico e ora dovrebbe guidare in un palcoscenico più impegnativo. Ad affiancare la prima squadra ci saranno poi le conferme di tutti gli altri gruppi che fino ad ora hanno fatto parte del network. Virtus Catanzaro in primis. Se Fabrizio Tunno passasse alla Planet Basket, in pole per la panchina virtussina ci sarebbe Danilo Chiarella che, visto l’impegno non da poco, andrebbe così a lasciare il gruppo CCB. Catanzaro Centro Basket che probabilmente ripartirà da un campionato minore così come San Michele e Mater Domini con guide tecniche ancora da definire. E poi naturalmente la partecipazione a tutti i campionati juniores così come successo nelle passate stagioni per offrire ai giovani sempre maggiori possibilità.  Insomma un “planet” aperto a tutti, a chi ha voglia di crescere giocando a pallacanestro, a chi ha voglia di confrontarsi, a chi ha voglia di sostenere questo ambizioso progetto, tutto “made in Calabria” diventandone sostenitore o sponsor.  Si parte da qui, dal gradino più basso ma forti di una grande certezza. Avere a disposizione una ricchezza che non si esaurirà con lo scadere del campionato o con lo sponsor di turno, si parte e si cammina subito con le proprie gambe, con quei ragazzi che ricordiamo in tante partite giovanili di qualche anno fa. Ora i tempi sembrano essere maturi per questo importante salto consci che magari nel primo anno si potrebbe pagare lo scotto della matricola ma che forse, fra qualche stagione, quando i tempi saranno nuovamente maturi, Catanzaro potrebbe nuovamente rivedere la serie B.

 

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons