DNC: Planet sconfitta ad Airola, sfuma la rimonta finale

Trasferta sofferta per gli uomini di coach Tunno costretti a giocarsi la posta in palio senza poter contare sull’apporto del proprio capitano Cattani, rimasto a Catanzaro, al cospetto di un Airola in striscia positiva casalinga. Una gara caratterizzata da iniziali battute equilibrate, superate le quali i padroni di casa hanno iniziato a dettare il proprio gioco arrivando al +20 fatto registrare al 25’. Grande reazione di orgoglio degli uomini di coach Tunno che affidandosi agli esperti Pellicanò e Saccardo sono riusciti a rosicchiare gran parte del passivo ridotto a sole 6 lunghezze. Una rimonta sfumata però nel finale che ha consegnato la vittoria ai padroni di casa che hanno così potuto festeggiare la seconda vittoria casalinga in questo campionato con un fattore campo che si sta dimostrando determinante fin dalle prime battute per tante realtà in cerca di affermazione.

Catanzaro parte bene con Saccardo e Pellicanò riuscendo a tenere testa a Riccio e Del Vecchio. In avvio i giallo-rossi si ritrovano anche in vantaggio (seppur minimo) ma un 8-0 di Smorra e Mascolo  riporta avanti gli uomini di coach Esposito (16-12 al 7’). Risponde uno 0-5 di Pellicanò miglior realizzatore della serata per l’ultimo vantaggio ospite (16-17) poi Riccio e Mascolo rompono gli indugi chiudendo il primo tempo sul 22-17. Uno stacco che i calabresi sembra non riescano a colmare: le percentuali degli ospiti rimangono basse anche nel secondo quarto e i campani ne approfittano per far lievitare il proprio vantaggio che al 13’ raggiunge la doppia cifra (30-19). La frazione scivola via fra continui botta e risposta fra le due squadre con il gap imposto dai padroni di casa che rimane pressoché invariato fino al 20’ (39-28). Pesano in questa prima parte di gara le basse percentuali in attacco della Planet che ha realizzato un 10/22 da 2 pt e 1/7 da 3 pt contro il 12/18 da 2 pt e il 3/10 da 3 pt degli avversari. Dopo l’intervallo lungo un black-out in casa Catanzaro permette ad Airola di allungare con Del Vecchio, Riccio e Mascolo fino ad arrivare sul + 18 (46-28 al 23’). Il digiuno dei calabresi viene rotto da Saccardo che da sotto firma il 46-30 ma la squadra beneventana tocca il massimo vantaggio al 25’ sul 50-30  chiudendo poi al 30’ sul 55-38. Partita finita? Non per coach Tunno e la sua squadra. In campo con Scuderi, Pellicanò, Fall, Pate e Saccardo, la Planet cambia praticamente faccia. I giallo-rossi acquisiscono sicurezza, diventano più precisi in attacco (32 punti segnati negli ultimi 10’ contro i 38 dei primi 30’), presenti a rimbalzo e recuperano palloni vaganti per il campo costringendo gli avversari, rei di aver forse archiviato troppo presto la disputa, ad assistere ad un break di 2-13 con cui riducono a 6 lunghezze lo stacco dai campani. Pellicanò (25) e Saccardo (18) i veri trascinatori del gruppo, il primo preciso dall’area e dal perimetro, il secondo un colosso insormontabile sotto canestro. Buono anche l’apporto di Pate (12) e Scuderi (10): 65 punti segnati in quattro sui 70 di fine incontro. Lo scossone della Planet inizia a far tremare i bianco-blu che cercano di riprendere in mano le redini di un incontro che chiuderanno con 8 punti di vantaggio: 78-70.

Il risultato della gara permette all’Airola di raggiungere in classifica la Planet Group Catanzaro che nel prossimo turno ritornerà al Pala Giovino per affrontare il CUS Jonico Bk Taranto (vincente nell’altro anticipo contro la Lotti Juvetrani per 72-55) mentre i campani affronteranno l’ASD Pall. Benevento (impegnato questa sera contro l’AP Monopoli) nel derby campano.

Negli altri anticipi del sabato CUS Jonico Bk Taranto – Lotto Juvetrani 72-55 e Megaride Bk Napoli – Farmacia Sardella Venafro 74-82. Oggi si giocheranno Delta Bk Salerno – Pol. Virtus Monte Procida, Quarta Caffè Monteroni – River Libertas Taranto, ASD Pall. Benevento – AP monopoli Ssd e Geofarma Mola – Magic Team Benevento. Turno di riposo per la Gammauto Chevrolet Molfetta dettato dal ritiro dal campionato della Virtus Pall. Termoli.

PALL. CITTA’ DI AIROLA – PLANET GROUP CATANZARO 78-70

(22-17, 39-28, 55-38)

AIROLA: Falzarano 12, Iannarilli 2, Marsicano ne, Del Vecchio 6, Smorra 17, Mascolo 14, De Sisto 5, Riccio 18, Niccolai 4, Todero ne. Coach: Esposito

CATANZARO: Carpanzano ne, Battaglia 2, Pate 12, Ippolito 2, Zofrea, Scuderi 10, Pellicanò 25, Saccardo 18, Pulinas, Fall 1. Coach: Tunno

ARBITRI: Giuseppe Pio  Ringoli di Roma e Andrea Bernassola di Palestrina (RM); osservatore Gaetano Iovine di Villaricca (NA).

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

(foto di archivio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons