C Femminile

 

 

San Michele Cz-Jolly Girls 50-41

 

San Michele Cz: Zinzi, Astorino 4, Raiola 15, Procopio, D. Fregola, Fratto 8, Pudia 1, Alvaro, Spadaro 14, V. Fregola 8. Allenatore: Mancini.

 

Jolly Girls: Ficara 14, Vozza 4, Cuzzucoli 2, Fotia 15, Scordo 6, Ambrogio, Smorto. Allenatore: Arillotta.

 

Arbitri: Sposato di Mendicino (Cs) e Fontanella di Catanzaro.

 

Note- Parizali: 13-8/ 24-19/ 32-29

 

 

 

Persa una battaglia, ma non la guerra. San Michele Cz si aggiudica gara-1 delle finali play-off della Serie C Regionale contro le Jolly Girls. Una partita combattuta, sempre in equilibrio, dove non si è visto tutto questo divario tecnico e tattico tra le due formazioni. Le reggine probabilmente pagano oltre misura le tante componenti emotive che le hanno accompagnate fino alla palla a due. A questo va anche aggiunto il “caldissimo” clima del PalaGreco, così come qualche opinabile scelta arbitrale con quest’ultima che non può e non vuole essere un’alibi. A prescindere da come le catanzaresi abbiano raggiunto queste finali (ricordiamo quanto accaduto nella gara-1 contro la Lu.Ma.Ka., prima sospesa e poi rigiocata) le stesse si affidano alla bravura della Astorino che, quando in campo, consente alle sue compagne di esprimersi al meglio in fase offensiva e di trovare anche con quel pizzico di fortuna in più al tiro, gli episodi che alla lunga hanno fatto pendere l’ago della bilancia il loro favore.

 

 

L’avvio di gara è carico di tensioni. Tanti errori da ambo le parti con il primo canestro (delle jollyne) che arriva quando il cronometro segna 7:53 nel corso del primo periodo. È un break di 0-3 firmato, tanto per cambiare, Anna Fotia. In precedenza dopo appena un secondo dalla palla a due, proprio il capitano delle reggine impatta in maniera fortuita con la Astorino, la quale è costretta ad uscire per infortunio per un problema al ginocchio sinistro. Il suo rientro a 5’ dal termine, coincide con il parziale di 6-0 delle locali, che da lì in poi non andranno mai più in svantaggio durante l’arco del match. Le Jolly Girls finiscono per innervosirsi e perdono di lucidità in fase offensiva, mentre al contrario, mostrano grande accortezza a difesa schierata. Il primo tempo si chiude con San Michele avanti di 5 punti (24-19).

 

 

Coach Arillotta carica di motivazioni le proprie atlete negli spogliatoi ed i risultati si vedono da subito. Capitan Fotia prende ancora una volta per mano la squadra ed a 1:37 dal termine, ecco il pareggio: 26-26, con San Michele che in quasi 9 miniuti, realizza 2 punti appena. Da qui è poi la Raiola che si erge a protagonista e sigla 6 punti in sequenza che rimandano San Michele avanti nel punteggio. Dall’altra parte a trovare il canestro con continuità è la Ficara, vera e propria mvp delle nero arancio. Nell’ultimo periodo i contatti al limite riprendo ad essere fischiati con meno frequenza in favore delle reggine in penetrazione ed allora Catanzaro, forte anche del minimo scarto di vantaggio, riesce a gestire al meglio la pressione e dopo un paio di palloni persi dalle Jolly Girls in attacco ed i falli sistematici, le locali riescono a chiudere definitivamente la disputa in proprio favore. Il +9 a 10 secondi dal termine rappresenta il massimo vantaggio mai raggiunto durante l’arco del match.

 

 

Servirà un’impresa alle nero arancio per ribaltare la serie. Venerdì si replicherà allo Scatolone dove già le reggine si sono imposte durante la regular season. Vincere è ancora possibilissimo e dagli errori commessi in terra catanzarese, si può solo imparare a non commetterli nuovamente. Che non sarebbe stata una passeggiata di salute lo si sapeva già, ma ora è il momento di dimostrare che questa vittoria è fattibile e bisognerà raggiungerla con tutti i mezzi possibili. Continuare a correre dietro quel sogno e non mollarlo proprio adesso, sul più bello…

 

 

 

 

Fabrizio Cantarella – Uff. Stampa Nuova Jolly Basket

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons