Febbre da PlayOff

 

 

La C Regionale più magra di sempre,appena dodici squadre iscritte, manderà in scena, a partire da domani sera, il PlayOff a quattro.La fase finale,infatti,verrà giocata dalla metà numerica delle compagini della passata stagione.Quattro squadre pronte per la palla a due.Tutte e quattro hanno già disputato il PlayOff, la Gioiese, addirittura ha già vinto questo campionato ed ha perso in finale nella passata stagione.

Dal punto di vista dello spettacolo, non avremo più lo showtime totale della passata stagione.In tanti ricorderanno le super giocate di atleti come Fall,Faranna e Womack.E’ rimasto poco, ma, vincere è sempre bello. Il punto interrogativo, però, è sempre lo stesso: chi ha realmente le ambizioni e le possibilità di disputare il campionato superiore nella prossima stagione? Chi riuscirà a programmare in mezzo alle continue riforme federali? Chi, unendo tutti questi addendi riuscirà a rimanere in vita?

Le squadre che si contenderanno l’unico posto disponibile per la promozione nel campionato nazionale di DNC sono la Cestistica Gioiese che affronterà alle ore 18 i giovani della Virtus Catanzaro ed il Villa San Giovanni, team che alle 19.30 se la vedrà con i reggini della Botteghelle Basket.

 

CESTISTICA GIOIESE

E’ la formazione favorita ma attenzione agli imprevisti. Ha vinto la Poule Promozione senza neanche una sconfitta.Ha perso in campionato solamente sul campo della Virtus Catanzaro dell’ex Chiarella, ovvero contro la prossima avversaria di post-seaon.

Ha il Coach più vincente delle ultime stagioni a livello regionale,Ugo Latella, allenatore che conquistò la promozione qualche anno fa sulla scia dell’asse argentino Laguzzi-Scarpa.Il roster è risicato ma davvero convincente.James William Warwick, inglese dal “grilletto facile” è l’uomo chiave: stiamo parlando del miglior marcatore del campionato.La sua grinta e tenacia unite ad uno straordinario attaccamento alla maglia lo propone come possibile Mvp della stagione. Sotto le plance ci sarà il solido polacco Krajesky mentre Genovese e Pate sono gli esterni d’esperienza che erano presenti nell’anno della promozione(il duo è un tandem di specialisti del settore,Genovese ha già vinto anche con la Vis,Pate vinse da Junior a Cosenza) proveranno a riportare nuovamente la Dnc a Gioia.Dopo la separazione dal three pointer Palumbo e la partenza del capitano Coky Mermolia volato negli States per una irrinunciabile chiamata lavorativa la compagine di Gioia Tauro appare molto più vulnerabile. Ci sarà grande spazio per  il giovane play Sabino Russo,così come per l’ala,classe 1996 Callè ed il lungo in prestito da Rosarno, Luzza.Per la post-season potrebbe ritornare il duttile Romeo,out per tutto il campionato per ragioni lavorative.Il vero enigma di PlayOff è rappresentato dall’argentino Fernando Marengo:a grande richiesta della Dirigenza Gioiese, attraverso il gemellaggio con la Viola è stato tesserato nell’ultimo giorno di mercato anche il talentuoso argentino.Marengo era l’undicesimo del roster della B2 e stava per concludere la sua annata tra panchina e tribuna: negli ultimi tempi,però, le sue quotazioni sono letteralmente decollate.Sarà realmente difficile vederlo in scena nel PlayOff Regionale(una caso analogo accadde nella passata stagione con Mobilia e Scozzaro).La Cestistica può vincere ma dovrà fare molta attenzione alle rivali.

 

VIRTUS CATANZARO

Al completo può battere chiunque.Stiamo parlando di una delle note più positive dell’intero panoramacestistico regionale.Il gruppo ha già vinto il titolo regionale Under 19, si appresta a vincere anche il campionato Under 21 ed è, per tanti addetti ai lavori, il progetto giovanile più riuscito della Calabria del Basket.Arriva al PlayOff con tanta voglia di vincere ma anche con qualche dubbio. Se giocherà a ranghi completi ha realmente la possibilità di battere Gioia Tauro.La contemporaneità delle gare con la “squadra madre” di DNC, la Planet, potrebbe ostacolare il percorso di un gruppo giovane che fa parlare di se.La presenza di Battaglia,Carella e Zofrea fece vincere i baby giallo-rossi di Coach Chiarella tra le mura amiche contro la super Gioiese ma queste tre pedine sembrano inamovibili nello scacchiere di Coach Tunno nel campionato nazionale.Parliamo di tre giovani di sicura prospettiva che fanno dell’atletistmo(Battaglia) del gioco in post(Carella) e del tiro da tre(Zofrea) le loro armi fondamentali. Il veterano Ottavio Porto e gli energici Carpanzano,Palazzo,Rotundo,Calabretta,Paoletti,Silipo e Celia(tutti giovanissimi)  uniti al tandem sudamericano formato da Morici e Vitelli (un argentino ed un italo-brasiliano che faranno parlare nei prossimi anni)possono volare alto e sovvertire qualsiasi tipo di pronostico.

VILLA SAN GIOVANNI

La vera antagonista della Gioiese.Anno super per il quintetto villese.Al completo può trionfare grazieall’esperienza ed ad una voglia di vincere fuori dal comune. Se nella passata stagione il sodalizio del Presidente Versace aveva raggiunto il suo miglior piazzamento stagionale,oggi può addirittura osare verso la promozione. Giocherà le sue partite a Reggio Calabria come avviene ormai da due anni aspettando le giuste risposte istituzionali per riportare il basket a Villa San Giovanni. Coach Eugenio Dattola,per arrivare in finale dovrà battere il suo passato:la Botteghelle Basket.I nero-verdi hanno un roster lungo e variegato.La fase offensiva è garantita dai canestri di Sergi,Canale e Pellicanò.Sergi e Pellicanò sono due atleti che si conoscono praticamente a memoria:hanno iniziato a giocare sin da bambini nella Viola ‘87 per poi continuare a realizzare canestri su canestri in canotta Audax.Paolo Canale è l’ago della bilancia di questi PlayOff:la sua condizione fisica e le sue triple potranno decidere nel bene e nel male il destino del Villa.In regia ci sarà Lorenzo Tripodi, vecchia conoscenza del PlayOff con il Pianopoli.Diego Delfino,ala grande molto duttile ha già vinto il PlayOff con il Rosarno di Guercetti e Mascarò(battendo nel quarto di finale proprio Villa).Enzo Postorino detto “doppietta”, uno dei giocatori più rappresentativi di tutto il movimento proverà a dare il massimo per togliersi l’ennesima soddisfazione accanto al grintoso De Stefano ed al recordman di presenze Johnny Miloro.Scalpitano per trovare spazio i giovani villesi Cotroneo(il capitano della squadra,attenzione alle sue triple), il “Jumper” Costabile,il veloce Pitasi e baby Fragna.

BOTTEGHELLE BASKET

Essere al PlayOff dopo una sequenza interminabile di infortuni è già un grande risultato.Durante la stagione si sono fatti male a turno praticamente tutti gli atleti del Presidente Musolino: oggi, con un super derby di semifinale contro l’amico di sempre Eugenio Dattola bisogna mostrare gli artigli. Ci sarà anche Gaetano Doldo,soddisfazione sportiva di tutto il movimento ed esempio da seguire per i più giovani:il classe ’78 agirà da ex in condizioni fisiche sempre precarie. Capitan Pensabene e soci non hanno nulla in meno rispetto alle altre tre formazioni ma, per vincere, dovranno tirare fuori la grinta, la stessa che ha permesso ai bianco-blu di disputare un girone di ritorno di assoluto spessore. L’inserimento dei veterani Corlito e Falcomatà, uomini che hanno disputato tanti PlayOff in carriera potrà facilitare la vita al quintetto di Coach Surace.Falcomatà ha già vinto il campionato con il Catanzaro Lido(poi divenuto Pallacanestro Catanzaro) dei vari Mastria,Caldarola,Eroe e Favano.Corlito,invece,è una pedina storica del nostro basket.Ha iniziato da bambino con la Viola di Volkov e Garrett prima di diventare un giramondo del campionati nazionali di B e C.Vinci,uno dei giocatori più spettacolari della categoria è la bocca da fuoco numero uno.Il play Francesco Catanoso ha voglia di trasformarsi in leader per riconquistare sul campo una C1 che lo ha probabilmente sottovalutato troppo presto.Pensabene, il capitano della Botteghelle è sicuramente l’uomo chiave senza dimenticare il duttile Fabio Cilione, collante difensivo dei reggini aggiunto alla  sostanza di Minniti.Attenzione all’energia di Mario Franco,atleta in crescita che se invogliato può sorprendere.Completano il roster il velocissimo play Lucisano e gli altri Under De Fazio e Luppino.Vincere il derby potrebbe significare conquistare il risultato più importante di sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons