Finalmente Lumaka, prima vittoria per le reggine

.

 

Le bianco-rosse, nell’anno della rifondazione dopo aver subito infortuni e partenze eccellenti hanno come obiettivo la crescita delle giovani atlete che ieri alle 18 nella Palestra di Archi, campo inedito per Amodeo e compagne, ha “portato bene” a cospetto di un combattivo Otium Palermo,formazione che partiva senza dubbio con i favori del pronostico.

Sul rettangolo verde di “Reggio Nord” ne succedono realmente di tutti i colori.

Le reggine partono in quintetto con Martino play,Talarico e Amodeo esterne con Nicosia ed Anechoum sotto canestro.

Il pressing a tutto campo a tutto campo ordinato dallo staff tecnico bianco-rosso funzionerà a dovere e la vittoria solamente sfiorata contro Rainbow ed Odisseus questa volta, sin dal primo quarto, sembra molto più vicina.

La Lumaka va avanti anche di dieci lunghezze resistendo alla voglia di recuperare delle ospiti.

La chiave del match arriva nella terza frazione.

L’Otium protesta fortemente contro un arbitraggio non condiviso.

Verrà espulsa l’allenatrice Maura D’Anna per continue proteste contro  i due fischietti. Le reggine dopo aver usufruito di sei tiri liberi, frutto di due tecnici e dell’espulsione ritorneranno sul più dieci a cinque minuti esatti dal termine.

La riscossa delle orgogliose palermitane non andrà a buon fine.

Importantissima una tripla di Chiara Martino sul finale. La Lumaka festeggerà finalmente a centrocampo per una vittoria che fa tanto morale e riapre la corsa per evitare l’ultimo posto in classifica.

Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons