Gara uno per Vis e Gioiese

Pronostici rispettati. Le due candidate alla finalissima di C Regionale non sbagliano nonostante l’enorme voglia delle duesfidanti.Partiamo dalla sfida del PalaBotteghelle.Per Villa è gia un traguardo storico esserci, per la Vis si tratta di un altro passo verso l’obiettivo prefissato in estate.Nei primi due quarti,i nero-verdi carichi “a molla” metteranno in grande difficoltà i locali. De Stefano è un leone e svetta con grinta accanto ai più possenti avversari, Vinci, sembra la versione bianca di Ray Allen e quando si alza al tiro da tre non sbaglia veramente mai.La Vis, nonostante tutto resta in gara andando sotto di quattro lunghezze al massimo.Fall e Grande si confermano habituè delle schiacciate. A fine secondo quarto Womack realizzerà un canestro incredibile da nove metri e mezzo.Nel terzo periodo la musica cambia. La Vis per ordine di coach Surace decide di difendere a tutto campo.”Alti, alti” si sente dalla panchina dell’allenatore reggino.

I ritmi si alzano ed il primo break davvero molto efficace lo firmano proprio i giallo- neri(Womack in contropiede sulla tonica difesa di Vittorio Soldatesca).Villa s’innervosisce più del dovuto contro l’arbitraggio. Un diverbio tra Fall e Pellicanò provocherà un doppio tecnico. Nel frattempo, gli ospiti faticano a far canestro, complice l’assenza del gladiatore De Stefano ai box per precauzione(ha troppi falli sul groppone).Il gioco procede ma ad ogni tentativo villese rispondevano alternati i giocatori della Vis:Cioffi,Grande,Cugliandro,Soldatesca alternavano bei canestri che tenevano lontani gli avversari. Terminerà così 77 a 66, mercoledì si replica ad Archi e l’impresa più dura sarà trovare posto a sedere.(le platee del PalaBotteghelle erano davvero colorate di grande tifo da una parte e dall’altra).

Al PalaMangione prevale il fattore campo. La Cestistica risponde presente all’interno di una gara dai due volti. L’avvio di gara sarà infatti per i ragazzi di coach Fabrizio Tunno.Cambi improvvisi di difesa e percentuali incredibili dalla lunga avevano proiettato i baby giallo-rossi in vantaggio ad inizio primo quarto. Battaglia,Ippolito e l’ex Speranza si alzavano con grinta al tiro dalla lunga esaltandosi.La Gioiese, con pazienza e la solita grande regia di capitan Mermolia ha iniziato a carburare gioco: Gallo e Dragna, senza dubbio tra i migliori firmeranno pareggio e rimonta effettuata.Nel terzo quarto, i locali sciorineranno il loro potenziale andando avanti anche di 23 lunghezze.Nell’ultimo periodo, saranno vani i volenterosi tentativi di rimonta dei giallo-rossi.100 a 86 il finale.Da segnalare l’invasione di campo di Giuseppe Latella, giovanissimo under della Cestistica,nato nel 2008, figlio di coach Ugo, voglioso di scendere sul parquet per dar manforte alla squadra di casa.

Reggioacanestro.com

 

Cestistica Gioiese-Virtus Catanzaro 100-86

(18-26,48-42,78-55)

Gioiese:Mermolia 17,Vecchiet 6,Gallo 24,Warwick 17,Faranna 11,Dragna 12,Palumbo 5,Mobilia 5,Scozzaro 3.All Ugo Latella

Virtus:Porto 9,Battaglia 25,Carpanzano 4,Zofrea,Scuderi 4,Motta 6,Pulinas 2,Ippolito 19,Speranza 9,Vitelli 8.All Fabrizio Tunno

Arbitri Simone e Loccisano

 

Vis Overt Reggio Calabria-Villa San Giovanni77-66

(13-19,13-17,25-17,16-13)

Vis:Scaffidi 8,Fall 13,Womack 20,Cugliandro 6,Soldatesca 6,Grande 12,Sorace,Stracuzzi,Cioffi 10,Ripepi.All Santo Surace

Villa:Sergi 13,Geri 12,Pellicanò 10,Vinci 16,De Stefano 8,Postorino 5,Cotroneo,Idone,Pometti,D’Elia.

Arbitri Ielo e Costabile di Reggio Calabria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons