GIANNI TRIPODI FA IL MEA CULPA:”NON SONO STATO UN BUON ESEMPIO”

Il commento del tecnico della Botteghelle, al termine del match perso contro l’imbattuta Svincolati Milazzo ai microfoni bianco-blu”Concordo con Iliano.
Partita giocata a grandi ritmi, soprattutto nei primi 2 quarti, con tanti errori da ambo le parti per la troppa frenesia nel gioco offensivo, con il risultato di tante conclusioni affrettate e imprecisione al tiro..
..anche tante palle perse, frutto (da parte nostra) della mancanza di controllo del ritmo del gioco.
Vince meritatamente Milazzo, squadra costruita benissimo, avendo assemblato i migliori ragazzi del loro territorio con, in più, un talentuoso uomo d’aria che a questi livelli sposta, ed anche tanto.
Se prendiamo in esame il confronto di stasera, contro uno dei roster meglio attrezzati (non solo di questo girone Siculo-Calabro), ci verrebbe da dire che siamo sulla strada giusta.
Un ultima cosa vorrei dirla, prima di chiudere l’intervista, desidererei scusarmi in primis con i miei ragazzi, col mio staff e con i genitori dei ragazzi, per essere stato espulso, da educatore non sono stato un buon esempio.
Professionalità e Professionismo sono due aspetti che si integrano, quello che mi sforzo di esprimere (ma faccio fatica ad essere capito) è che ci troviamo di fronte a dei ragazzini e TUTTI abbiamo l’obbligo di aiutarli a crescere..
..a volte dialogare, anche nell’immediato, dopo aver effettuato un fischio è buona cosa, i ragazzi lo apprezzerebbero sicuramente di più”.
Show Buttons
Hide Buttons