Il Coni Regionale ancora nelle mani di un reggino

Maurizio Condipodero batte la concorrenza silana ed è il nuovo Presidente del Comitato Olimpico regionale.

Maurizio Condipodero, di Reggio Calabria, avvocato, è il nuovo presidente regionale del Coni entrando in lizza dopo le elezioni e la querelle legata alla vicenda “Mimmo Praticò” storico numero uno del Comitato Olimpico regionale.

coni1

Condipodero è stato eletto con 26 voti su 51.

Le operazioni di voto sono state presiedute dal segretario generale del Coni, Roberto Fabbricini. Il Coni Calabria era stato commissariato dopo le dimissioni di cinque dirigenti

L’elezione di Condipodero è avvenuta al secondo scrutinio dopo che una prima votazione aveva fatto registrare parità di consensi tra lo stesso Condipodero ed il suo concorrente, Pino Abate.

«E’ un risultato – ha detto Condipodero – importante. Ovviamente sono soddisfatto, ma posso già dire che inizierò il mio mandato aprendo le porte del Coni a tutte quelle cosiddette discipline minori che comunque contano migliaia di praticanti. Voglio anche sottolineare che è mio intendimento favorire un metodo di governo dell’ente assolutamente condiviso e coinvolgerò tutti in questo senso, a partire dal mio antagonista, per aprire una discussione seria ai fini della ristrutturazione e del potenziamento dell’impiantistica sportiva in Calabria».

Pino Abate, da parte sua, ha detto che «il risultato è straordinario e da uomo di sport voglio subito riconoscere il merito all’avvocato Condipodero di avere saputo finora lavorare bene. Con altrettanta determinazione sportiva voglio assicurare il mio impegno più totale all’interno del nuovo Comitato di gestione affinché prevalga l’unità di intenti e la chiarezza degli obiettivi, a partire dalla promozione delle discipline sportive e dallo stimolo verso i giovani a partecipare attivamente allo sport, che è indubbiamente vita sociale».

Il Coni Regionale ancora nelle mani di un reggino

Maurizio Condipodero, di Reggio Calabria, avvocato, è il nuovo presidente regionale del Coni entrando in lizza dopo le elezioni e la querelle legata alla vicenda “Mimmo Praticò” storico numero uno del Comitato Olimpico regionale.

Condipodero è stato eletto con 26 voti su 51.

Le operazioni di voto sono state presiedute dal segretario generale del Coni, Roberto Fabbricini. Il Coni Calabria era stato commissariato dopo le dimissioni di cinque dirigenti

L’elezione di Condipodero è avvenuta al secondo scrutinio dopo che una prima votazione aveva fatto registrare parità di consensi tra lo stesso Condipodero ed il suo concorrente, Pino Abate.

«E’ un risultato – ha detto Condipodero – importante. Ovviamente sono soddisfatto, ma posso già dire che inizierò il mio mandato aprendo le porte del Coni a tutte quelle cosiddette discipline minori che comunque contano migliaia di praticanti. Voglio anche sottolineare che è mio intendimento favorire un metodo di governo dell’ente assolutamente condiviso e coinvolgerò tutti in questo senso, a partire dal mio antagonista, per aprire una discussione seria ai fini della ristrutturazione e del potenziamento dell’impiantistica sportiva in Calabria».

Pino Abate, da parte sua, ha detto che «il risultato è straordinario e da uomo di sport voglio subito riconoscere il merito all’avvocato Condipodero di avere saputo finora lavorare bene. Con altrettanta determinazione sportiva voglio assicurare il mio impegno più totale all’interno del nuovo Comitato di gestione affinché prevalga l’unità di intenti e la chiarezza degli obiettivi, a partire dalla promozione delle discipline sportive e dallo stimolo verso i giovani a partecipare attivamente allo sport, che è indubbiamente vita sociale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons