IL MIGLIORE SI SEMPRE: MJ

Gus Tolotti ebbe l’onore di stopparlo in un test organizzato dalla Nike. Leggete qui.

Per qualsiasi tifoso di pallacanestro e non solo, in qualsiasi angolo di mondo, il 17 di febbraio non sarà mai una data qualsiasi.

E’ una sorta di Natale aggiunto, fatto di voli, giocate spettacolari, un uomo contro tutti che vola, sempre più in alto fino all’infinito.

Compie 58 anni ma, in tanti, pagherebbero oro pur di vederlo ancora una volta in campo.

Scrivere della sua grandezza, sarebbe riduttivo. 

Raccontiamo di un 23 in salsa nero-arancio. Si, è tutto vero, Gustavo Tolotti riuscì a stopparlo.

Era il 1990 ed era una manifestazione organizzata dalla Nike.Non fu la sola, anche perché, qualche anno prima, sei anni prima, il re dei re del mondo dello sport mondiale giocò una gara esibizione a Trieste con, nei gradi di allenatore, l’ex Viola Santi Puglisi, allenatore a Reggio di Joe Bryant.

Valtellina – L’ospite della piacevole Valtellina era sua maestà Michael Jordan, asso dei Chicago Bulls all’inizio di un percorso straordinario che lo portò a diventare il giocatore più rappresentativo di sempre di questo sport.

In campo, tanti atleti importanti del basket italiano, sia italiani che stranieri.

Da un lato, il tecnico era Mike D’Antoni fresco di ritiro dal basket giocato e pronto per un volo prima da capo allenatore nel basket italiano e successivamente in Nba.

Dall’altro, invece, c’è Carlo Recalcati, allenatore che successivamente diventò l’allenatore della Viola Reggio Calabria, quella Viola che perse all’interno di uno dei canestri annullati più discussi del basket italiano il quarto di finale PlayOff contro la Benetton Treviso.

In campo c’era anche Dean Garrett, ovvero l’autore di quel canestro ma non solo.

L’asso Pace Mannion, Israel, Jay Vincent, Franklin Johnson, Marzorati, Fausto Bargna ecc ecc.

Jordan giocò un tempo per squadra.

La leggenda narra che, Gustavo Tolotti, recordman di presenze della Viola Reggio Calabria riuscì “clamorosamente” a stoppare “sua maestà” durante un’azione ricordata da tutti i presenti.

 

Show Buttons
Hide Buttons