Il PalaCalafiore ritorna ad applaudire la Viola

REGGIO CALABRIA – Finalmente !!! Il Pentimele torna ad applaudire la Viola, che ritrova la vittoria al PalaCalafiore dopo ben 56 giorni dalla gara contro Scafati dello scorso 18 Ottobre; tanto, troppo tempo, e non è un caso che il successo di domenica sera contro l’Angelico Biella sia coinciso con il rientro di Spinelli e Freeman, entrambi arruolabili anche se non ancora nelle migliori condizioni.

Già alla vigilia il gm Gaetano Condello si era detto ottimista dopo una settimana di allenamenti al completo. E la squadra è apparsa, infatti, da subito in migliori condizioni psico-fisiche (e qui si vede anche la mano del Prof. Rosace); quanto fosse fondamentale per i neroarancio ritrovare Spinelli e Freeman lo si è visto poi sul parquet. Mentre il talento dei Georgetown Hoyas dovrà ancora lavorare molto per ritrovare la condizione, l’impatto del play campano è stato subito devastante.

Vero che i numeri dicono poco ma a volte rendono bene l’idea dell’andamento della gara: con Spinelli in campo il parziale complessivo è stato, infatti, di 51-27 per i nerorancio; 31-42, invece, durante il periodo trascorso in panca. Statistiche che, come detto, lasciano il tempo che trovano ma che evidenziano, se mai ce ne fosse ancora bisogno, cosa vuol dire avere “regalato” agli avversari giocatori che rappresentano parte fondamentale dell’asse portante della squadra.

Un altro elemento altamente significativo è stato quello di vedere finalmente la squadra giocare nuovamente insieme; era proprio dalla gara contro Scafati che i neroarancio non mostravano, tra le mura amiche, un approccio positivo su entrambi i lati del campo; aggressivi in difesa, tutti pronti ad aiutare il compagno in difficoltà e conseguente maggiore fiducia anche in attacco, dove si è giocato con più tranquillità e fluidità.

L’inizio, a dire il vero, non è stato dei migliori per colpa della tensione e della pressione per una gara che non si poteva davvero sbagliare; tante palle perse e l’Angelico ne approfitta subito per allungare con Ferguson, De Vico ed Infante (5-13 al 5’); coach Benedetto lancia allora sul parquet Valerio Spinelli insieme a Brackins. E’ proprio Craig ad aprire un mini-break di 9-3 completato da Lupusor e Dobbins; la prima frazione si chiude sul 17-20.

Il secondo quarto si apre con una tripla di Spinelli cui segue un bel canestro di Mordente ed un’altra tripla di Rullo per il 25-20 al 13’. Benedetto richiama in panca il play campano e la Bermé torna a soffrire; Ferguson ed Infante trovano il canestro con continuità ed al 15’ è 28-30. I reggini concedono un po’ troppo a rimbalzo offensivo e l’Angelico è brava a sfruttare i doppi possessi su tre azioni consecutive (33-34 al 19’). Negli ultimi minuti prima del riposo è Ion Lupusor il più positivo dei neroarancio; difende forte e ruota bene contro tutti, è reattivo a rimbalzo e trova anche un bell’assist per Rullo che consente alla Viola di chiudere il primo tempo in vantaggio (37-34).

Al rientro dagli spogliatoi è ancora un super Valerio Spinelli a guidare con grande lucidità i neroarancio; è sua la tripla del 40-36, cui segue un’ottima penetrazione e l’assist per Brackins che costringe coach Carrea al timeout (46-40 al 25’). Dopo il minuto di sospensione, coach Benedetto concede il meritato riposo a Spinelli e rimanda sul parquet Valerio Costa che è bravo a trovare subito la via del canestro per il 48-43 (26’). Sale in cattedra Roberto Rullo (che alla fine sarà il miglior marcatore dei reggini), bravo a sparare una tripla in transizione su assist di Costa (53-45 al 28’). L’Angelico soffre la dinamicità dei reggini e si affida al talento assoluto di Ferguson che segna anche con le mani in faccia; sono proprio Ferguson e Grande a tenere a galla Biella sul finire di terzo quarto che si chiude sul 57-52 per la Bermé.

Ultima frazione che segna il rientro a referto anche di Austin Freeman che mette a segno i primi tre punti della gara, anche se il numero 1 reggino soffre tremendamente in difesa dove le sue precarie condizioni lo penalizzano ancora fortemente. Si fa, però, perdonare al 35’ con un’altra tripla che ributta indietro l’Angelico (69-62). Biella si affida, allora, a De Vico e ad un positivissimo Grande che trova due triple in fila per il -6 (71-65 al 37’). I reggini sono comunque bravi a gestire gli ultimi minuti della gara senza farsi sorprendere da un Ferguson mai domo; i giochi li chiudono Dobbins e Rullo mentre coach Benedetto, nonostante il +13, vorrebbe il canestro anche sull’ultimo possesso per la differenza canestri; la gestione dell’ultimo tiro è da rivedere e manda su tutte le furie il coach reggino.

Arriva, comunque, una grande ed importantissima vittoria per i neroarancio (82-69), insieme agli applausi del PalaCalafiore che sono forse la nota più positiva del finale. Approccio mentale e salute, sono questi i due fattori che si spera non manchino davvero più a questa squadra, che ha pagato, ovviamente, i problemi fisici dei suoi uomini più importanti ma è stata, soprattutto, penalizzata da atteggiamenti poco assimilabili a quello che dovrebbe essere il concetto di “squadra” e che si spera siano definitivamente scomparsi.

Con l’approssimarsi delle festività natalizie, il regalo più grande sarà, allora, quello di poter avere un gruppo finalmente in salute e che possa ritrovare la fiducia in se stesso; chiaro che il prossimo impegno non sarà semplice dal momento che si andrà ad affrontare un avversario come Agrigento dell’ex Piazzino, la cui sontuosa prestazione di playmaking (al rientro dopo il lungo infortunio) ha consentito ai siciliani di espugnare il PalaMangano di Scafati.

Vincere ad Agrigento non sarà semplice ma, comunque, non impossibile; serviranno testa, gambe e fiducia, sperando che la Dea Bendata possa finalmente sorridere a questa squadra.

Nino Romeo per Reggioacanestro.it


SERIE A2 OVEST – 12a GIORNATA

BERME’ VIOLA REGGIO CALABRIA – ANGELICO BIELLA 82-69

VIOLA: Freeman 6, Costa 2, Lupusor 7, Mordente 7, Rullo 19, Pandolfi ne, Crosariol 4, Brackins 12, Dobbins 14, Spinelli 11. Coach: Benedetto

BIELLA: Hall 6, Ferguson 26, Banti 4, La Torre, Infante 10, Grande 13, Venuto, Pollone ne,  De Vico 10, Pierich ne. Coach: Carrea

Arbitri: Carmelo Lo Guzzo di Pisa (PI) – Gabriele Gagno di Spresiano (TV) – Damiano Capozziello di Brindisi (BR)

Parziali: 17-20; 37-34; 57-52;

SERIE A2 GIRONE OVEST 12a Giornata

Benacquista Ass. Latina-FMC Ferentino 73-61

Paffoni Omegna-BCC Agropoli 98-93 d. 1 t.s.

Givova Scafati-Moncada Agrigento 70-72

Assigeco Casalpusterlengo-Orsi Tortona 96-89 d. 1 t.s.

Berme’ Reggio Calabria-Angelico Biella 82-69

Novipiu’ Casale Monferrato-La Briosa Barcellona 95-50

Mens Sana Basket 1871 Siena-Npc Rieti 82-81

Lighthouse Conad Trapani-Acea Roma 96-74

Classifica

Givova Scafati 18, BCC Agropoli 16, Moncada Agrigento 16, Novipiù Casale Monferrato 16, Orsi Tortona 14, Lighthouse Conad Trapani 14, FMC Ferentino 12, NPC Rieti 12, Benacquista Ass. Latina 12, Assigeco Casalpusterlengo 12, Mens Sana Basket 1871 Siena 12, Acea Roma 10, Paffoni Omegna 8, Bermè Reggio Calabria 8, Angelico Biella 6, La Briosa Barcellona 6

Prossimo turno (13a Giornata)

18/12/15 20:30 FMC Ferentino-Paffoni Omegna

19/12/15 20:30 BCC Agropoli-Novipiu’ Casale Monferrato

20/12/15 18:00 Acea Roma-Benacquista Ass. Latina

20/12/15 18:00 Assigeco Casalpusterlengo-Mens Sana Basket 1871 Siena

20/12/15 18:00 La Briosa Barcellona-Givova Scafati

20/12/15 18:00 Moncada Agrigento-Berme’ Reggio Calabria

20/12/15 18:00 Npc Rieti-Lighthouse Conad Trapani

20/12/15 20:00 Angelico Biella-Orsi Tortona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons