Impianti su Reggio, schiarita in vista

Schiarita in vista? Sembra proprio di si.

La situazione legata all’allarme impiantistica sportiva a Reggio Calabria.

In chiave ufficiosa dovrebbe essere stato tutto già risolto, in chiave ufficiale si aspetta la mattina di venerdì per evitare “colpi di scena” preoccupanti.

In linea di massima in palinsesto del week end dei campionati di C  & D dovrebbe rimanere invariato.

Inagibili? Si, dovrebbero essere ventiquattro gli impianti senza agibilità nella città di Reggio Calabria tra il lassismo che dura praticamente da sempre.

Nel frattempo,”Così come avevo preannunciato poche settimane fa, il Governo ha stanziato ben 100 milioni di euro per le periferie e tra le sette strutture individuate per i primi interventi c’è anche la piazza della Pace di Reggio Calabria“.

 

E’ quanto afferma il presidente del Coni Calabria, Maurizio Condipodero. “Voglio ringraziare il numero uno nazionale del Coni Giovanni Malagò – prosegue Condipodero – che ha inteso portare avanti le nostre richieste, dopo il concreto confronto che si è sviluppato nelle ultime settimane a tutti i livelli. Non abbiamo mai avuto dubbi sull’esito positivo di questa vicenda e, tra l’altro, sono stati anche rispettati i tempi che ci erano stati prospettati, dal momento che la notizia è arrivata prima della fine dell’anno.

 

Nello specifico, a Reggio Calabria saranno effettuati importanti interventi di riqualificazione per il polo sportivo della zona sud, per la piscina comunale di proprietà dal Coni, per la palestra di boxe, per lo Scatolone e per il Palloncino. “Voglio sottolineare – continua Condipodero – che Reggio Calabria è stata trattata con la stessa dignità di realtà del calibro di Milano, Roma, Napoli, Palermo, Ostia e Barletta, a dimostrazione della credibilità di cui godiamo anche a livello nazionale. Sono particolarmente soddisfatto, inoltre, per la collaborazione da parte degli enti territoriali, in particolare del sindaco di Reggio Giuseppe Falcomatà con il quale abbiamo lavorato in stretta sinergia per raggiungere questo risultato, il primo rispetto ad una programmazione a lungo termine che mira a potenziare anche le altre strutture cittadine”.

 

Per Condipodero “i risultati sportivi vanno sempre di pari passo con la funzionalità e l’efficienza degli impianti dove si svolgono le attività ed è particolarmente significativo che buona parte di questi primi interventi siano stati programmati al sud, dove lo sport è il principale veicolo per riaffermare i valori della legalità e della solidarietà”. “Siamo impegnati – sostiene ancora il presidente del Coni regionale – a confrontarci con tutti gli enti calabresi in attesa di ricevere la seconda tranche del contributo, da investire nella messa in sicurezza e nell’ammodernamento di altri impianti presenti in regione. Con una strategia seria, contraddistinta da poche parole e molti fatti, in sinergia con tutti gli organismi interessati a questo significativo primo passo in avanti seguiranno altre azioni in grado di migliorare notevolmente la nostra regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons