In mezzo alla lentezza reggina, la Viola fugge a Vibo

 

 

Reggio Calabria – La Viola Reggio Calabria è pronta per giocare una partita storica.

Alle ore 18 i reggini fanno il loro esordio casalingo al PalaMaiata di Vibo Valentia.

Il team del Presidente Muscolino affronterà la compagine della Piero Manetti di Ravenna, una delle rivelazioni assolute di questo torneo.

Location: si giocherà in un nuovo impianto, il “PalaMaiata”, messo a disposizione dal Liceo Scientifico ad indirizzo sportivo di Vibo, raggiungibile da Reggio Calabria percorrendo l’autostrada A3 fino all’uscita Rosarno, poi prendendo la SS 18 in direzione Vibo. Il palasport si trova proprio sulla strada statale.

Pullman per i tifosi reggini: per l’occasione la società nero-arancio ha organizzato un pullman per gli abbonati che vorranno seguire la gara.

L’attesa per la gara odierna della Viola sarà abbastanza alta anche per gli appassionati vibonesi, encomiabili per l’attaccamento e la disponibilità dimostrata in questa occasione.

I tifosi storici della Viola ricorderanno un trasferimento per squalifica al PalaCorvo di Catanzaro, i sostenitori più recenti, invece, potrebbero ripercorrere queste idee ricordando le quattro giornate di squalifica scontate nell’ospitale e positiva Polistena quattro anni fa. Oggi, più che di squalifica, si parla di sconfitta.

I programmi dei Commissari di Reggio Calabria hanno previsto in Febbraio 2014 l’ultimazione dei lavori del PalaCalafiore ma, considerate le precedenti promesse, si respira atmosfera di rassegnazione e di nuova abitudine nel vedere la Viola giocare le proprie partite interne a Vibo Valentia.

Notizie ufficiali dal PalaBotteghelle, terreno di gioco fino alla passata stagione della Viola? Neanche l’ombra, c’è sempre troppa poca chiarezza. “Rumors” da casa Vis (la società che detiene l’impianto in gestione da questa estate) danno come indaffaratissima la società reggina alle prese con un’omologazione da ricostruire praticamente da zero: il paradosso sembra proprio quello. Nelle scorse settimane si era parlato di un solo certificato mancante: oggi sembrano essere cambiate nuovamente le carte in tavola per un impianto, dove, in concreto, giocano tutti (capienza consentita 200 persone), eccezion fatta per i nero-arancio.

L’assurda vicenda non è una fantasia tratta da un grottesco racconto di Fantozzi ma è la triste realtà che sta vivendo da circa sei mesi la Viola Basket, emblema della pallacanestro calabrese, per oltre venti anni grande rappresentante del Sud Italia nei campionati di serie A. L’odierna trasferta a Vibo rappresenta la più grande sconfitta sportiva della Calabria che nasconde sommessamente i complici silenzi di tutti gli ambienti sportivi regionali. Neanche i due fallimenti hanno inginocchiato il nome della Viola. Dalle felici e coinvolgenti guide del giudice Viola e dell’ing. Gianni Scambia è tornata sempre ai massimi livelli, prima con Santo Versace poi con Agostino Silipo. Oggi gli sforzi dell’attuale proprietà, guidata da Giancesare Muscolino, si scontrano con l’indifferenza e la miopia di pochi ma influenti burocrati, che consegnano alla città di Reggio ed alle migliaia di appassionati che hanno contribuito a far grande la Viola, il più amaro e triste regalo di Natale.

Come sta la Viola: il team di Coach Ponticiello appare un cantiere alle prese con una piccola rivoluzione interna. L’infortunio di Bell è di fatto poco credibile: l’atleta ha i bagagli pronti e la società è pronta ad intervenire sul mercato con un doppio colpo.

Il processo d’integrazione dell’americano sembra sia giunto ad un negativo capolinea: le attese dello staff tecnico, il pazientare di tutto l’ambiente aspettando una crescita dell’atleta e la relativa pazienza sono giunti alle battute finali per un giocatore che, solamente a sprazzi, ha fatto intravedere il proprio potenziale peccando per capacità di tiro, spirito di squadra e positività.

Oggi serve una risposta da parte del resto del gruppo per firmare un’ impresa che sulla carta è tutt’altro che facile.

Ravenna è una squadra giovane e combattiva che ha lasciato praticamente intatto il pacchetto che ha vinto la DNB nella passata stagione.

Le aggiunte sono quelle del veterano Charlie Foiera, lungo romagnolo che ha vestito le canotte di Varese, Imola ed anche della Pallacanestro Messina in Serie A e quella di uno straniero super per questi livelli: Adam Sollazzo.

Il giocatore, reduce dall’esperienza a Lipsia nella A2 tedesca, sembrava vicino ai reggini in estate: oggi è uno dei top player di questo torneo. Il Coach è un allenatore esperto e molto bravo come Gianfranco “Lupo” Lanfranchi.

Gli arbitri sono i signori Mauro Celatto di Castellazzo Bormida(Al), Valerio Grigioni di Roma e Damiano Capozziello di Brindisi.

E’ prevista la Diretta Streaming Video direttamente dal sito della Viola e la Diretta radiofonica su Radio Touring 104. Link Video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons