Kleos arriva la prima storica vittoria

 

 

Una nuova serata fantastica per la Kleos.

Il primo Febbraio 2014 entra nella storia del Basket di Calabria: la nuova tappa da conquistare, è stata raggiunta con una prestazione super a cospetto del Cus Catania.

Termina 49 a 29 tra gli applausi scroscianti del pubblico del Pianeta Viola.

La Kleos vince la prima partita della sua giovane storia grazie ad una mega partita:dopo due quarti molto combattuti, per certi versi in salita, i reggini trovano i giusti equilibri chiudendo con un rotondo e convincente 49 a 29.

Coach Cugliandro si affida sin da subito dal trio di nuovi innesti formato da Roglieri,Ambrosi e Genchi, acquisti che hanno letteralmente stravolto l’attegiamento in campo dei reggini e che stanno facendo un grande lavoro nella voglia di crescere del gruppo dei neofiti reggini.

 

La gara- La voglia del Cus Catania di Coach Bulla di giocare alla grande la gara si evince sin dal pregara: l’arrivo al palazzetto di Modena avviene alle 16.00 a due ore dall’inizio dell’incontro , al contrario la TWBK si presenta ingenuamente(si parla di festeggiamenti pre-gara davvero divertenti) solo mezz’ora prima e infatti pagherà questa leggerezza con un approccio psicologico troppo soft rispetto al peso reale dei due punti in palio.

 

Il primo quarto e’ super equilibrato dove ad ogni canestro si risponde con un altro canestro avversario , ma si nota negli occhi dei giocatori la differenza di concentrazione , il CUS chiude in difesa molto bene ed è subito pronto a ripartire in velocità , la TWBK invece è più lenta e macchinosa.

Nel secondo quarto avviene proprio il Black out per i reggini , Pasqualitto segna con una precisione disarmante (alla fine segnerà 20 dei 29 pti totali del CUS) , coach Cugliandro chiede più attenzione ai suoi proprio su di lui , ed è proprio in questo momento che sale in cattedra il capitano dei siciliani Ivan Messina facendo in un amen 6 pti pesantissimi per un 10-0 di parziale (8-18) ,la partita si mette male per Reggio che chiama Time Out.

Qualcosa si scuote, la difesa passa ad uomo a tutto campo , la TWBK comincia a recuperare punti su punti , rubando un infinita di palloni dimostrando un carattere incredibile nel voler recuperare la partita a tutti i costi .le due nazionali femminile Cogliandro e Roglieri sembrano indiavolate difendendo e recuperando tanti palloni mandando a canestro Genchi e Ambrosi , Saraceno e’ su tutti i palloni prendendo qualsiasi cosa gli passi davanti , recuperando così una situazione che sembrava ingarbugliata e nonostante si vada sotto alla fine del primo tempo (19-21) psicologicamente il match risulta completamente cambiato. Infatti nel terzo quarto la TWBK torna in campo con la stessa grinta difendendo da campo a campo , la rotazione dei cambi diventa più assidua per dare fiato soprattutto alle nazionali in rosa , il villese Freno in questo senso darà un contributo immenso , e i reggini andranno a raffica a canestro segnando un po’ tutti e finalmente anche saraceno in giornata “no” a livello offensivo , mettendo a segno un parziale di 18-6 (37- 27) .Grandissimo l’apporto del pivot Genchi letteralmente devastante nel pitturato.

L’Mvp

Una prestazione d’autore per il lungo della Kleos.Genchi e’ un giocatore che riempe di consigli sempre tutti , anche se ha segnato tanti punti non deve far pensare che sia stato fondamentale solo per questo motivo- afferma il Coach Cugliandro- è stato il riferimento offensivo e difensivo della nostra compagine: canestri , rimbalzi , difesa e tantissima corsa… Quasi alla fine della partita scherzando con lui gli ho detto ” Checco hai la vena sulla fronte che è pronta ad esplodere , vuoi rifiatare un po?” La sua risposta da grande giocatore e’ stata “assolutamente no”

 

 

 

Kleos-Cus Catania 49-29

(8-8,11-13,15-6,12-8)

Kleos:Cogliandro(k) 2,Corasaniti,Rindone,Saraceno 2,Freno 2,Ambrogio,Genchi 28,Ambrosi 10,Costantino,Nostro,Plutino,Roglieri 8.All Antonio Cugliandro

Cus Catania:Seminara,Barcella,Di Brilla,Garaffo,Florio,Messina 6,Pasqualitto 20,Chillemi,La Scala,Fonte 2.All Ilenia Bulla

Arbitri Mucella di San Filippo del Mela e Miceli di Messina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons