IL BASKET PIANGE IL MITO KOBE BRYANT

Kobe Bryant è morto in un incidente sul suo elicottero privato, a Calabasas.
Sembra che a bordo ci fossero almeno 3 persone oltre a lui, e nessuno sia sopravvissuto all’impatto.

La notizia è stata confermata anche dalla ABC e da tutti i media mondiali.

Il fenomeno passato da Reggio Calabria, seguendo le orme di papà Joe lascerebbe un solco assurdo e tragico nella sua storia.

Guardia atletica, tecnica, vincente (198 cm/ 96 kg): da essere il “figlio di Joe” a “black mamba”, giocatore esaltante e un vincente come pochi nella storia Nba.

Direttamente dalla high school alla Nba, Kobe viene scelto con la n.13 al draft 96 (LAL) e coi Lakers giocherà tutta una carriera (1996-2016).

Giocatore con “movenze jordanesche” (tanto da sembrare il suo clone spesso e volentieri) dimostrerà da subito una faccia tosta come pochi e capacità di migliorare anno dopo anno.

25.0 pts + 5.2 rb + 4.7ass + 48% T2 + 33% T3 + 83% T1 + 1.4 rec le sue medie carriera, tendenza a forzare oltre il consentito e giornate di grazia da libro dei record.

Vincerà 5 anelli Nba, 2 Mvp Finals, 1 MVP Nba, 2 volte miglior marcatore Nba, 15 All Nba, 12 All Defensive e 18 ASG disputati.

A Reggio? Tanto minibasket e partecipazione incredibile al Torneo Primavera nella struttura gestita dalla Suore in casa Pgs.

In tanti lo ricordano a canestro negli intervalli della Stanza Reggio Calabria di Coach Santi Puglisi sbaragliare la concorrenza di un numero infinito di bambini che accorrevano alle partite al Botteghelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons