La Gioiese domina,successo e ritorno in Dnc

 

 

Una serie dominata per il quintetto di Ugo Latella che batte la concorrenza di un Villa San Giovanni non all’altezza della caratura dei gioiesi che aveva già raggiunto il suo importante obiettivo, la storica conquista della finalissima.

 

Obiettivi diversi per le due società.La Gioiese ha fatto sapere che accetterà di buon grado la promozione e ripartirà probabilmente da un progetto “Young”.

Villa, invece, attende lumi per avere un palazzetto dello sport:le istituzioni, dopo aver acclarato l’attività pluridecennale del Presidente Versace hanno l”obbligo  di dare risposte certe ed immediate ad un sodalizio che stupisce sempre di più e che ha migliorato ancora il risultato della passata stagione(fu eliminata in semifinale dalla Vis).

 

Il Palazzetto di Archi si dimostra tutto esaurito sin da subito.Ore 20.04, non c’è più un posto a sedere.

Vengono rispolverate “stanzette dei palloni” come Tribuna Stampa, e qualche appassionato pur di non perdersi lo spettacolo si arrampicherà su qualche automobile per vedere la gara direttamente da dietro i finestroni del Palasport.

 

Chi ha vissuto le intense semifinali dell’ultimo decennio, tese ed equilibrata è rimasto sicuramente deluso:La Gioiese vince dominando.

 

La cronaca:La novità nasce dal quintetto di Gioia.Piromalli(uno dei capo supporters nella Gioioese che sfiorò la B) in campo accanto all’uomo da tener d’occhio,l’inglese Warwick,il pivot Krajesky ed i “survivor” della promozione di quattro anni prima Genovese e Pate(in panca c’è anche Romeo).In panchina c’è spazio per l’esordiente Marengo:l’atleta argentino usufruisce di un doppio tesseramento con la Liomatic Viola.Per lui si tratta della gara d’esordio in canotta Gioiese probabilmente per rendere lo staff tecnico un po più tranquillo considerate le precarie condizioni fisiche di qualche atleta.

Villa San Giovanni risponde con Pellicanò play,Sergi e Canale esterni con un duo di lunghi atipico:il giovane Costabile ed il roccioso De Stefano.

 

Il primo canestro è del “Brigante” Pellicanò dopo un minuto di gara.

Warwick in un “amen” realizza pareggio e sorpasso.

Dopo un digiuno durato due minuti e mezzo è ancora Pellicanò con un gioco da tre punti a rispedire avanti i locali(4.29 5-4).

Costabile firma il più tre in arresto e tiro.Warwick sempre lui, pareggerà i conti ai tiri liberi(7-7).

Marco Pate,sospinto da amici e supporters da Cosenza segna con un arresto e tiro da due firma il nuovo vantaggio gioiese.Un antisportivo sanzionato a Costabile per bloccare il contropiede manderà avanti gli ospiti(7-9).

Il finale del quarto sarà tutto rose e fiori per la Cestistica:Warwick segna da tre,il polacco Krajesky,subito dopo,manderà in visibilio la platea con una tripla incredibile, “tabellone canestro” da poco prima di centrocampo.(7-15).

 

Nel secondo quarto si accendono gli animi.Alessandro Cagliostro ferma il gioco per un minuto abbondante per dialogare ed impartire istruzioni al play del Villa Tripodi.

Il più dieci arriva ancora da tre con Sabino Russo.(7-17).

Villa prova a scuotersi in percussione ma Gioia risponde ancora con Pate dalla lunga(11-21).

Canale e Tripodi, con cinque punti in serie a testa si caricano per la rimonta(18-22) ma la Gioiese risponde colpo su colpo con il trio Genovese e Krajesky e Pate(21-32).

I play delle squadre,Tripodi e Romeo insaccano ancora da tre.

In campo si vede anche la new entry Fernando Marengo:il baby argentino realizza un canestro più fallo planetario che chiude il secondo periodo(26-39).

Nota a margine:per una brutta botta ad una caviglia Diego Delfino è costretto a lasciare la finale anzitempo,

 

Gioia vola nel terzo periodo ancora con l’inglese Warwick, undici punti in cinque minuti(12-4 in avvio 30-51).

Un chiaro fallo antisportivo di Pellicanò su Warwick sul risultato di 32 a 58 ad un minuto dalla fine del terzo quarto provoca l’espulsione per proteste del Coach del Villa,Eugenio Dattola.Sarà il quarto della svolta.La Gioiese dominerà in lungo ed in largo chiudendo praticamente la gara.Warwick non sbaglierà nulla conquistando anzitempo la palma di Mvp dell’intero campionato.

Uno straordinario canestro di Lorenzo Tripodi chiude il terzo periodo(36 a 63).

 

Nell’ultimo quarto, ancora Warwick riceve un grande assist da Pate e continua il suo show personale.

Villa farà tanta fatica per contenere gli avversari che veleggiano con vantaggi maxi.

A quattro minuti dal termine, Coach Latella inizia la girandola dei cambi.

Fuori Warwick,Genovese,Pate e Krajesky e spazio per i giovanotti Rosace e Callè,entrambi a segno.

Il resto è una festa per entrambe le squadre:

Gioia conquista sul campo con tanta grinta una nuova promozione dai sapori diversi e forse più significativi rispetto a quattro anni fa;

Villa San Giovanni che resta orgogliosa del proprio pubblico e dei propri atleti dopo una stagione indimenticabile.

 

Villa San Giovanni-Cestistica Gioiese 51-81

(7-15/26-39/36-63)

Villa San Giovanni: Tripodi 19, De Stefano 6, Miloro, Sergi 2, Pitasi, Canale 7, Postorino 2, Pellicanò 10, Costabile 4, Delfino 2. All. Dattola.

Cest. Gioiese: Romeo 3, Marengo 8, Pate 8, Russo 5, Rosace, Warwick 36, Callè 2, Piromalli 4, Genovese 5, Krajsky 6. All. Latella.

Arbitri: Cagliostro di Reggio Calabria e Viglianisi di Villa San Giovanni.

Allontanato a 1:00 del terzo periodo, coach Dattola. Espulso Canale a 6:42 del quarto periodo e Costabile a 1.00 dal termine della gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons