La nostra realtà tra l’indifferenza

jkx7qh

Il numero uno del Villa si confessa sul proprio network:”L’assenza di un impianto omologato ci penalizza da ben cinque anni”

da http://basketvilla.16mb.com/

 Finisce una stagione che sarebbe potuta partire con una storica partecipazione al campionato di serie C nazionale e invece si chiude con una retrocessione in serie D. Come reputa l’annata?

-Lo scorso maggio, precisamente il 04-05-2014, in una palestra gremita in ogni ordine di posto, festeggiavamo una una magica stagione di successi. Lo abbiamo fatto nel modo più bello, riuscendo a riunire tanti ex atleti che hanno vestito i nostri colori, in una gara amichevole contro la nostra formazione che ci aveva regalato un sogno. La C1 era stata raggiunta! Ma come tutti i sogni, poi, bisogna scontrarsi con la realtà e purtroppo ci siamo svegliati troppo presto.

Una realtà fatta di indifferenza totale da parte del territorio villese e una certa disattenzione anche della classe politica tutta.

Ci siamo imbattuti infatti, con degli impegni economici non alla nostra portata, che assieme al fatto di non avere una struttura dove disputare le gare interne sul nostro territorio, ci ha portato a rinunciare a tutto questo.

Abbiamo così voltato pagina e puntato su una formazione composta quasi nella totalità dai nostri giovani atleti villesi, eccezion fatta per il nostro capitano Vincenzo Meduri.

Probabilmente però non eravamo ancora pronti per tale campionato senior, e questo assieme al fatto che per una volta di troppo tanti nostri giovani non hanno capito l’importanze di questa situazione, oggi ci ritroviamo a dover parlare di una retrocessione nel campionato di serie “D”.

Però posso giudicare positiva , tutto sommato, la stagione.

Abbiamo dato spazio a tanti nostri ragazzi giovanissimi che hanno sicuramente acquisito tanta esperienza di campo. E lo stesso vale per il nostro coach fatto in casa :Valerio Nusco, che piano piano sta facendosi largo nel mondo del basket regionale.

-Argomento scottante e sfiorato nella sua prima risposta: la società sta puntando fortemente sul proprio settore giovanile ma la mancanza di una struttura dove poter giocare le partite casalinghe è sicuramente un problema enorme. Cosa pensa a riguardo?

-Lo accennavo appunto prima, la mancanza di una struttura idonea ed omologabile è un danno enorme che ci portiamo dietro da troppi anni ormai. Infatti sono 5 stagioni che le nostre gara interne le disputiamo nella struttura del rione di Archi a Reggio Calabria.

Questa situazione ovviamente ci penalizza enormemente, oltre al fatto che tutto questo succede nell’ormai disinteresse della nostra classe politica. Posso dirti che siamo arrabbiati perchè, nonostante tutti gli sforzi, stiamo vedendo svanire tutti i sacrifici fatti da 20 anni a questa parte.

 

Ripeto, tutto nel silenzio più totale, guarda caso nella nostra cittadina, di una non avvenuta realizzazione di una struttura consona ad ospitarci, i candidati delle ultime elezioni amministrative se ne sono resi conto solo in questi giorni, ma forse da domani nessuno ne parlerà.

-Vedere in campo quest’anno una squadra (fatta eccezione per il capitano Vincenzo Meduri) tutta “made in Villa San Giovanni” che effetto le ha fatto?

-Anche questo è un sogno che coltiviamo da anni. A livello personale sono contentissimo ed orgoglioso di poter schierare la quasi totalità di atleti villesi giovani e meno giovani. L’appartenenza al territorio l’abbiamo ulteriormente dimostrata, adesso speriamo la dimostri chi di dovere, a buon intenditor poche parole!

Non mancano però anche in questo contesto le note stonate, tanti, troppi dei nostri giovani atleti

hanno un po’ mollato durante l’anno; questo sarà,obbligatoriamente, oggetto di riflessione da parte di tutta la società, su come gestire le situazioni che forse fino ad oggi sono state trattate in modo molto familiare, non ricevendo il giusto riconoscimento.

-Domanda d’obbligo, quali sono i programmi per il prossimo futuro e gli obiettivi a lungo termine?

-E’ ancora prematuro parlare di futuro. Questo perchè aspettiamo l’evoluzione da parte della F.I.P. Su come saranno gestiti i campionati del prossimo anno. Valuteremo se sarà necessario, in caso di richiesta, la partecipazione ad uno anziché ad un altro campionato.

Sicuramente non mancherà l’impegno, lo facciamo da tanti anni e continueremo con lo stesso spirito che ci ha permesso, nonostante mille difficoltà, di essere riconosciuti da parte di tutte le società calabresi come uno dei massimi movimenti cestistici della regione.

Continueremo a lavorare e a puntare sui giovani, sperando di formarli prima come uomini e poi come atleti, vogliamo creare uno staff tecnico, aggiungendo quindi al valore indubbio di Valerio Nusco, persone che siano in grado di lavorare al meglio per la crescita dei tanti giovani e giovanissimi atleti che frequentano i nostri corsi. Sperando un giorno di gioire di un risultato sportivo insieme a loro.

La nostra realtà tra l’indifferenza

da http://basketvilla.16mb.com/

 Finisce una stagione che sarebbe potuta partire con una storica partecipazione al campionato di serie C nazionale e invece si chiude con una retrocessione in serie D. Come reputa l’annata?

-Lo scorso maggio, precisamente il 04-05-2014, in una palestra gremita in ogni ordine di posto, festeggiavamo una una magica stagione di successi. Lo abbiamo fatto nel modo più bello, riuscendo a riunire tanti ex atleti che hanno vestito i nostri colori, in una gara amichevole contro la nostra formazione che ci aveva regalato un sogno. La C1 era stata raggiunta! Ma come tutti i sogni, poi, bisogna scontrarsi con la realtà e purtroppo ci siamo svegliati troppo presto.

Una realtà fatta di indifferenza totale da parte del territorio villese e una certa disattenzione anche della classe politica tutta.

Ci siamo imbattuti infatti, con degli impegni economici non alla nostra portata, che assieme al fatto di non avere una struttura dove disputare le gare interne sul nostro territorio, ci ha portato a rinunciare a tutto questo.

Abbiamo così voltato pagina e puntato su una formazione composta quasi nella totalità dai nostri giovani atleti villesi, eccezion fatta per il nostro capitano Vincenzo Meduri.

Probabilmente però non eravamo ancora pronti per tale campionato senior, e questo assieme al fatto che per una volta di troppo tanti nostri giovani non hanno capito l’importanze di questa situazione, oggi ci ritroviamo a dover parlare di una retrocessione nel campionato di serie “D”.

Però posso giudicare positiva , tutto sommato, la stagione.

Abbiamo dato spazio a tanti nostri ragazzi giovanissimi che hanno sicuramente acquisito tanta esperienza di campo. E lo stesso vale per il nostro coach fatto in casa :Valerio Nusco, che piano piano sta facendosi largo nel mondo del basket regionale.

-Argomento scottante e sfiorato nella sua prima risposta: la società sta puntando fortemente sul proprio settore giovanile ma la mancanza di una struttura dove poter giocare le partite casalinghe è sicuramente un problema enorme. Cosa pensa a riguardo?

-Lo accennavo appunto prima, la mancanza di una struttura idonea ed omologabile è un danno enorme che ci portiamo dietro da troppi anni ormai. Infatti sono 5 stagioni che le nostre gara interne le disputiamo nella struttura del rione di Archi a Reggio Calabria.

Questa situazione ovviamente ci penalizza enormemente, oltre al fatto che tutto questo succede nell’ormai disinteresse della nostra classe politica. Posso dirti che siamo arrabbiati perchè, nonostante tutti gli sforzi, stiamo vedendo svanire tutti i sacrifici fatti da 20 anni a questa parte.

 

Ripeto, tutto nel silenzio più totale, guarda caso nella nostra cittadina, di una non avvenuta realizzazione di una struttura consona ad ospitarci, i candidati delle ultime elezioni amministrative se ne sono resi conto solo in questi giorni, ma forse da domani nessuno ne parlerà.


-Vedere in campo quest’anno una squadra (fatta eccezione per il capitano Vincenzo Meduri) tutta “made in Villa San Giovanni” che effetto le ha fatto?

-Anche questo è un sogno che coltiviamo da anni. A livello personale sono contentissimo ed orgoglioso di poter schierare la quasi totalità di atleti villesi giovani e meno giovani. L’appartenenza al territorio l’abbiamo ulteriormente dimostrata, adesso speriamo la dimostri chi di dovere, a buon intenditor poche parole!

Non mancano però anche in questo contesto le note stonate, tanti, troppi dei nostri giovani atleti

hanno un po’ mollato durante l’anno; questo sarà,obbligatoriamente, oggetto di riflessione da parte di tutta la società, su come gestire le situazioni che forse fino ad oggi sono state trattate in modo molto familiare, non ricevendo il giusto riconoscimento.

-Domanda d’obbligo, quali sono i programmi per il prossimo futuro e gli obiettivi a lungo termine?

-E’ ancora prematuro parlare di futuro. Questo perchè aspettiamo l’evoluzione da parte della F.I.P. Su come saranno gestiti i campionati del prossimo anno. Valuteremo se sarà necessario, in caso di richiesta, la partecipazione ad uno anziché ad un altro campionato.

Sicuramente non mancherà l’impegno, lo facciamo da tanti anni e continueremo con lo stesso spirito che ci ha permesso, nonostante mille difficoltà, di essere riconosciuti da parte di tutte le società calabresi come uno dei massimi movimenti cestistici della regione.

Continueremo a lavorare e a puntare sui giovani, sperando di formarli prima come uomini e poi come atleti, vogliamo creare uno staff tecnico, aggiungendo quindi al valore indubbio di Valerio Nusco, persone che siano in grado di lavorare al meglio per la crescita dei tanti giovani e giovanissimi atleti che frequentano i nostri corsi. Sperando un giorno di gioire di un risultato sportivo insieme a loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons