La Palestra di Ravagnese? Condizioni pietose

 

 

Domenica 21 marzo 2013 la squadriglia Volpi del gruppo scout RC8, dopo il consueto urlo di gruppo, si appropinqua nel cercare una via d’entrata tra gli arbusti che circondano una palestra abbandonata situata nei pressi dell’aereoporto di Reggio Calabria.
Dopo essersi addentrati nell’enorme edificio, la squadriglia Volpi scorge ciò che è rimasto della palestra fantasma. Salta subito all’occhio un immenso spiazzo, che potrebbe essere utilizzato come campo da pallacanestro o da pallavolo. Detto ciò, la squadriglia continua la sua perlustrazione e si avvia verso gli spoiatoi situati all’interno dell’edificio, dove i sanitari presenti sono ridotti in condizioni di degrado: arrugginiti, mai completati.
Continuando la “visita” purtroppo, si imbattono in una catasta maleodorante di materassi consumati e coperte di lana, probabilmente usati da qualche barbone. Sparse per il tragitto “accidentato” si intravedono siringhe con aghi ben in vista e scatole di medicinali scaduti.
Altro grave spreco presente nella palestra sono i due impianti uno di areazione e uno riguardante l’elettricità, completati e mai messi in funzione. Si pensa che per ogni faretto presente nel sistema elettrico siano stati spesi circa 400€. 
Un dirigente ci ha riferito che quest’opera sia stata finanziata nel 1999 per un importo di circa 1.800.000.000,00 delle vecchie lire, quindi 900.000,00 euro per completare i lavori servirebbero circa 300.000,00 euro. Di questo centro sportivo potrebbero usufruirne molti giovani e molte compagnie sportive, purtroppo la squadriglia Volpi ha potuto constatare che i lavori iniziati non sono mai giunti al termine. Perciò chiedono alle autorità competenti di attivarsi per far si che questo problema venga risolto nel migliore dei modi.

Giulia, Silvia, Alessandra, Eleonora e Andrea

{iframe} http://www.youtube.com/embed/5DuiLHp73dQ” frameborder=”0″ allowfullscreen {/iframe}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons