La Target vuole di nuovo la C

 

 

Cras senza Pulinas,cosa è successo in gara due?

 

Il fatto di non avere Pulinas ha dato alla Cras una carica emotiva maggiore e ha caricato di responsabilità anche chi di solito gioca di meno. Il tutto è stato amplificato da una nostra prestazione sotto tono soprattutto in avvio di partita dove il parziale iniziale di 20-1 ci ha penalizzato enormemente nonostante l’equilibrio del resto della gara.

In più i nostri tentativi di rimonta sono stati puntualmente respinti da una super prestazione del giovane Masciari, a cui faccio i miei complimenti.

 

La sfida di sabato è un dentro o fuori.La posta in palio è rappresentata dalla promozione sul campo in C Regionale,come sta il tuo gruppo?

 

Si, la sfida di sabato rappresenta una sorta di spareggio, a cui non arriviamo al massimo della forma.

Piccoli acciacchi e defezioni non ci hanno consentito di allenarci regolarmente con continuità nell’ultimo mese, ma credo che in una partita come gara tre ognuno di noi saprà mettersi alle spalle tutti i problemi fisici e dare il massimo per tutti i 40 minuti.

 

Hai vinto questo campionato due anni fa con i veterani dell’Abba.A tuo avviso il livello del campionato è sceso?

 

Il campionato vinto con l’Abba era un campionato completamente diverso da quello attuale a mio avviso.

Innanzitutto perchè l’Abba era una squadra nettamente superiore alle altre, almeno in quel campionato, mentre quest’anno non c’è una squadra dominante ma il livello di quelle che hanno partecipato ai play-off è molto alto rispetto a due anni fa, mentre la qualità media del campionato si è abbassata parecchio,anche a causa anche dei costi di gestione molto elevati anche per un campionato come la serie D.

Il tuo quintetto ideale del campionato?

 

Parto dal presupposto che il quintetto della Target rimane a mio avviso quello col collettivo dal maggior coefficiente tecnico, evidenziato dal fatto che nel girone di ritorno non abbiamo subito neppure una sconfitta giocando due scontri diretti su tre in trasferta, quindi sarei portato a dire che il mio quintetto ideale è rappresentato dal quintetto della mia squadra.

Se dovessi selezionare il quintetto migliore della serie D direi:

Lo Giacco, Costantino, Pulinas, Di Vico, Perrone.

 

Hai giocato già insieme a tuo fratello Gaetano.In questa stagione non è stato possibile, studio e lavoro permettendo ci riproverete?

 

Ho giocato più di una stagione con mio fratello Gaetano. Da molti anni purtroppo non abbiamo avuto più la possibilità di fare una stagione assieme, a causa di impegni universitari differenti.

Sicuramente ci riproveremo, nonostante di questi tempi anche cambiare squadra è diventato difficile.

Il tuo auspicio per gara tre in programma sabato al Palazzetto di Archi?

 

Il mio auspicio è quello di entrare in campo con la stessa voglia e la stessa foga agonistica di gara 1 sperando di non ripetere l’exploit negativo del primo quarto di gara 2.

Sicuramente ce la metteremo tutta per portare a casa la vittoria e la promozione, che sarebbe la seconda consecutiva per questa società.

Colgo quest’occasione per ringraziare tutti i miei compagni di squadra e la dirigenza, per avermi dato l’opportunità di vivere questa bella esperienza e di avermi consentito di entrare a far parte della famiglia Target.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons