La Viola cede all’Agrigento

I ragazzi di coach Ciani, dopo aver ceduto alla Viola il terzo posto nel trofeo Sant’Ambrogio, realizzando la loro terza sconfitta consecutiva al PalaBotteghelle, sono rientrati prevedibilmente a Reggio decisi a riscattarsi, molto grazie anche all’innesto del loro ultimo acquisto, Riccardo Castelli, che ieri ha realizzato 23 punti, firmandone il primo con una schiacciata. Parte con il giusto ritmo per i nero arancio il primo periodo. Coach Bolignano schiera Zampolli, Fabi, Mariani, Quaglia e Fontecchio, contro la formazione agrigentina composta da Giovanatto, De Martini, Quarisa, Mossi e Mian. E’ Fontecchio a realizzare i primi 2 punti, seguito da due tiri liberi di Mariani, che, fresco di laurea in ingegneria, porta la Viola sul 4-0. Sarà Mian poi a portare per meno di un minuto la Mondaca in vantaggio di un punto, 4-5, ma Fontecchio e una forte penetrazione nella difesa avversaria di Zampolli lasciano i siciliani indietro di 2 punti, 8-6. A – 4:30’’ fa il suo ingresso il capitano, Marco Caprari, che con un tripla comincia a segnare il distacco tra le due compagini. Non basta quindi la schiacciata di Castelli a recuperare il gap, che si accorcia a 19:17, un libero di Ammannato ed un tiro di Zampolli chiudono il periodo a 22-17 per i padroni di casa. Si infervora il caldo pubblico, che ha ben risposto all’esordio della stagione, incitando la squadra a continuare sulla stessa scia. E la squadra continua a rispondere bene. Il secondo quarto si apre con due punti del capitano Caprari, 24-17, con un libero Castelli porta la l’Agrigento a – 5, ma una tripla di Ammannato seguita da una doppia di Quaglia, portano la Viola a + 10. Coach Ciani, a – 7:52’’, chiama il minuto. I siciliani incalzano, e dopo una doppia ed una tripla del capitano nero arancio, penetrano nella difesa . L’ingresso di Brown porta l’Agrigento sulla parità, 34-34, un sorpasso di Castelli sotto canestro segna il -2 per i nero arancio. Qaurisa chiude il periodo a – 1 per i padroni di casa, 36-37. Al rientro dagli spogliatoi la formazione avversaria parte con una tripla di Castelli, inarrestabile per tutto il prosieguo del match, seguito da Mossi, che realizza un’altra tripla, 36-40. Quaglia, Fontecchio e Mariani riportano la Viola a – 2, e dopo un fallo di De Laurentis su Mariani, che dalla lunetta realizza due punti, coach Ciani chiama ancora i suoi, a – 1:41. E’ Quarisa a chiudere il terzo periodo, 51-59 per il suo gruppo. Aumenta il gap tra le formazioni nell’ultimo periodo. Dopo un libero di Zampolli, Giovanatto segna il +9, il capitano Caprari incita i suoi, e risponde ad una doppia di Castelli con un tripla. A -6.13’’ coach Bolignano chiama il time out, i liberi di Caprari accorciano la distanza, 63-69, ma Castelli e Giovanatto riportano ancora l’Agrigento sul + 10, 63-73. Ancora un minuto chiamato da coach Bolignao, Di Viccaro e Mossi allungano la distanze, e l’Agrigento si aggiudica il match che si chiude 67-82. Il numeroso pubblico reggino applaude i suoi beniamini, con la certezza di un lungo campionato, in cui il gruppo e le sue caratteristiche tecniche e fisiche, saranno certamente in grado di fare la differenza.

 

 

Viola Reggio Calabria: Fontecchio 10, Caprari 16, Fabi 5, Mariani 7, Zampolli 6, Quaglia 9, Scozzaro ne, Germani, Viglianisi ne, Ammannato 14. Coach: Bolignano

 

Monncada Solar Agrigento: Anello 1, Demartini 5, Mian 5, Mossi 8, Di Viccaro 23, Quarisa 3, De Laurentiis 2, Giovanatto 10, Castelli 23, Brown. Coach: Ciani

 

Arbitri: Roberto Biasini di Veroli (FR) – Andrea Longobucco di Ciampino (RM)

 

Ufficio stampa Viola Reggio Calabria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons