La Viola vince e getta le basi per una nuova Stella

ma, soprattutto, con una bella prestazione di tutti gli uomini a disposizione di coach Bolignano. Esordio assoluto in DNB per il coach reggino che ha messo subito da parte l’emozione ed hadimostrato tutto il suo valore preparando e gestendo la partita in maniera brillante.

 

La Stella, giunta in riva allo Stretto priva del suo miglior uomo, Simone Colonnelli (giocatore da 18 punti di media a partita e secondo nella classifica marcatori), rimasto a Roma perchè influenzato, ha sicuramente pagato la grave assenza ma non ha comunque demeritato giocando alla pari con i neroarancio nei primi due quarti. Una Viola contratta all’inizio, con i giocatori che avvertivano chiaramente la tensione di un match in cui tutti, società, tifosi ed addetti ai lavori si attendevano una riscossa.

La società aveva deciso di dare la scossa rimuovendo dall’incarico Alessandro Fantozzi (che ha pagato per tutti) e dando una strigliata alla squadra, che, in ogni caso, non aveva certo demeritato nelle partite precedenti. La sfortuna, gli infortuni e qualche scelta sbagliata avevano determinato le tre sconfitte ed un “momento no” che ieri i reggini sono stati bravi a spezzare tornando alla vittoria.

Non serviva stravolgere la squadra, né tattiche o schemi particolari, coach Bolignano è stato però molto bravo a responsabilizzare in settimana tutti gli uomini, mandando poi sul parquet per pochi minuti anche Laganà, Rappoccio e Marengo e ciò ha consentito di far rifiatare il quintetto base, che ne ha certamente giovato durante i quaranta minuti.

Primo quarto molto equilibrato, un motivatissimo Grilli (per lui, cresciuto nella Tiber, era un “derby”) porta subito i neroarancio sul 7-3 (4′). La Stella non sta a guardare, i giovani di coach D’Arcangeli mettono grande intensità in difesa e con D’Ascanio, Delle Cave ed Ondo Mengue firmano il sorpasso (8-11 all’8′). Paparella ed una tripla di Potì che carica il pubblico (a dire il vero, ieri, un po’ “spento”) fissano il 16-16 con cui si chiude la prima frazione.

Nel secondo quarto i neroarancio provano un primo minibreak con Caprari, Gambolati e Paparella ed al 13′ è 22-16. I primi cinque minuti della seconda frazione vengono giocati in maniera brillante dai reggini, attenti in difesa, veloci e fluidi in attacco ed al 15′ è +8 (29-21). La Stella, però, non demorde, chiude gli spazi e sale d’intensità in difesa, la Viola cala un po’ nel finale del primo tempo ed i romani colmano il gap con Fall e Rodriguez (32-30 al 19′). Coach Bolignano manda in campo Luca Laganà ed il numero 5 reggino ripaga subito la fiducia guadagnandosi un fallo e due tiri liberi poi messi a segno. Si va quindi al riposo sul 37-32.

Nel terzo quarto i neroarancio si scrollano di dosso la tensione, trascinati dal capitano Seby Grasso  (gladiatore e nostro personale mvp),  e ritrovano anche la precisione al tiro dalla lunga distanza che era un po’ mancata nel primo tempo: Paparella e Grilli non sbagliano e la Viola vola subito sul +9 (45-36). Ondo Mengue e Rodriguez sono le “bocche” da fuoco per la Stella ma è il reggino Luca Laganà ad esaltare il parterre del PalaCalafiore con una tripla per il +11 (49-38). Paparella spara poi la sua seconda tripla, Ondo Mengue mette in evidenza il suo talento ma non basta e la Viola vola sul +17 con la tripla del capitano Grasso con cui si chiude la terza frazione (62-45).

L’ultimo quarto è puro “garbage time”, la Stella non ne ha piu’ e la Viola trova la via del canestro con continuità: le triple di Grilli, Potì e Paparella divertono il pubblico e c’è spazio anche per il canestro di Marengo che chiude il match sul punteggio di 88-69.

Una vittoria fondamentale per iniziare bene il girone di ritorno ma soprattutto per dare fiducia a tutto il gruppo. L’importante, ora, sarà chiaramente non abbassare la guardia (non si era certo scarsi prima, non si è fenomeni adesso) e lavorare duro in vista della trasferta di domenica prossima a Potenza.

La società sta inoltre lavorando su un progetto nuovo e importanti novità arriveranno in settimana, come già preannunciato dal Presidente Muscolino, che a fine partita ha parlato di prossimi importanti inserimenti in società e chissà che non ci sia anche un graditissimo ritorno. Di piu’ non è dato sapere ma la società, con le dichiarazioni rilasciate già a fine partita, ha fatto intendere che, di fatto, il silenzio stampa verrà definitivamente chiuso con un importante annuncio nelle prossime ore. Muscolino ha voluto anche fare i complimenti alla società Stella Azzurra, indicandola come un modello da seguire. E chissà che questo non sia già un indizio su quelle che saranno le scelte che la società vorrà intraprendere nel prossimo futuro.

 

Nino Romeo per Reggioacanestro.it

LIOMATIC VIOLA REGGIO CALABRIA – STELLA AZZURRA ROMA  88-69

Parziali: 16-16; 37-32; 62-45;

Viola: Gambolati 8, Laganà 5, Paparella 20, Potì 7, Caprari 8, Rappoccio, Grilli 25, Marengo 4, Grasso 10, Sereni 1. Coach: Bolignano

 

Stella Azzurra: Fallucca 1, Rodriguez 19, Fall 7, Duranti 10, Ondo Mengue 17, Delle Cave 4, Paesano, Ramenghi 5, D’Ascanio 6. Coach: D’Arcangeli

 

Arbitri: Corrado Isimbaldi di Briosco (MI) – Stefano Quaia di Milano (MI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons