LBA CON LICENZE:SANDRO SANTORO DICE “SI”

La Legabasket studia il “progetto licenze” per regolare l’ammissione alla serie A, dalla prossima stagione in poi, operando in sintonia con LNP e FIP. L’idea è quella di fissare parametri di acesso rigidi (economici e organizzativi) per evitare che si ripetano casi tipo quello di Roma in questa stagione.

L’idea sarebbe quella di applicare tali parametri per l’iscrizione al prossimo campionato, che quindi non avrebbe un numero fissato di squadre in partenza: potrebbero essere 14, 16 o anche un numero dispari. Tutte le squadre che avranno guadagnato sul campo la partecipazione al campionato 2021-22, mantenendo la categoria o con la promozione dalla A2, per potersi iscrivere dovranno rispettare i parametri fissati, che si andranno ad aggiungere ai controlli Comtec stabiliti dalla FIP. Chi rispetterа le condizioni di accesso avrа una licenza, da rinnovare ogni 12 mesi.

Sul tema delle licenze è intervenuto anche Sandro Santoro, GM della Germani Brescia,Capitano dei capitani della storia della Viola Reggio Calabria. Le sue parole a Il Giornale di Brescia.

«È giusto che se ne parli. Ogni anno ci ritroviamo a dire che qualcosa deve cambiare, ma poi tutto resta come è. Il presidente Gandini ha le idee chiare e trovo che questo sia un passaggio doveroso per rendere più credibile la serie A. Più il “prodotto” è credibile, più è vendibile. Non parlo solo di sponsor, ma anche di diritti televisivi. Non possiamo vivere campionati in cui le squadre ai nastri di partenza non sono le stesse che arrivano alla fine…».

Show Buttons
Hide Buttons