Le impressioni su Ymcastreetball

Da poco si è conclusa la 12^ edizione dell’YmcaStreetBall, il torneo estivo calabrese più longevo e che ha raccolto ancora una volta un gran numero di appassionati provenienti da tutta la regione e non solo.

 

Ben 12 entusiasmanti, divertenti edizioni che senza dubbio alcuno potrebbero equivalere alle mitologiche 12 fatiche di Ercole… si esatto: fatiche!!!

 

Molti di noi, per la maggior parte, forse tutti, che siano ospiti, partecipanti o spettatori, stiamo lì a bordo campo ad osservare, c’è chi invece gioca o tifa, scatta foto, scambia chiacchiere, ride e scherza, guardiamo divertiti l’evolrversi degli avvenimenti e delle iniziative in programma come se queste nascessero spontaneamente.

 

In sintesi: guardiamo solo la superficie della manifestazione, il prodotto finito di un lavoro che invece, per gli addetti, richiede circa 6 mesi di preparazione.

 

Perchè il duo rampante Mario Trichilo e Carmelo Speziale, amici da una vita, inizia a fantasticare con idee e proposte già a partire da Febbraio/Marzo, cercando sempre una nuova grafica per le magliette, attrezzare gli stand, le locandine, striscioni, gli zainetti, gadget regalo, sponsor, stipulando convenzioni per pernottamenti in albergo a 4 stelle a prezzi agevolati (NB: ad Agosto siamo in ALTISSIMA stagione), trovare sempre degli originalissimi premi (strepitosi quest’anno i trofei in plexiglass con l’effigie del torneo): con puntigliosa meticolosità non lasciano nulla al caso programmando ogni dettaglio.

 

E quando arriva il fatidico giorno del torneo non è facile andare incontro alle richieste dei circa 250 partecipanti cercando di soddisfare ogni loro esigenza, ma tutto lo STAFF YmcaStreetBall, con straordinaria disponibilità e sempre con un cordiale sorriso, riesce ad accontentare tutti, dai piccoli del minibasket, ai più grandi delle categorie senior.

 

Quest’anno l’YSB 2014 ha coinvolto anche i coraggiosi ragazzi del basket in carrozzina della Kleos Lazzaro e del Basket Catania, puntando i riflettori su un importantissimo tema quale quello della disabilità e delle barriere architettoniche. Meravigliosi tutti per impegno, volontà, personalmente parlando li definisco EROI perchè chi reagisce con forza e soprattutto determinazione alle “disavventure” della vita (qualunque esse siano), non arrendendosi mai, altro non può definirsi che tale: un EROE.

 

Bravi tutti, Mario, Carmelo, Silvio, Saso, i ragazzi YmcaStreetBall, mare, sole, basket e amici, non potevamo chiedere di meglio e altro non possiamo dire che GRAZIE per averci regalato una vacanza di 2 giorni, ancora una volta, indimenticabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons