L’ITALIA DI CHIARA MONTILLA VUOLE LA FINALE MONDIALE

 
La reggina della Pantera è in america e questa sera alle ore 21 sfiderà i padroni di casa degli Usa
 
La nota Fasi
Oggi alle 15 (quando saranno le 21 in Italia), la Nazionale sorde Under 21 sfiderà di nuovo gli Stati Uniti ai Mondiali di basket, in corso di svolgimento nell’arena della Gallaudet University di Washington D.C. Ma stavolta, dopo la gara che ha sancito l’esordio delle azzurrine silenziose in questo torneo, sarà per un posto in finale e, male che vada, alle ragazze di coach Sara Braida rimarrà sempre l’opzione della finale per il terzo posto che assegna comunque una medaglia. Gli Usa, che hanno organizzato l’evento (al quale partecipano anche 10 squadre maschili) in maniera
perfetta, arrivano imbattuti alla fine del girone che ha visto il Giappone conquistare il 2° posto in maniera abbastanza sorprendente grazie a una difesa aggressiva che ha messo alle corde tutte le avversarie, America
compresa, tenuta a soli 71 punti. Il terzo posto è della Turchia che nella sfida di ieri ha avuto ragione dell’Italia (63-59) dopo una battaglia durissima in cui si combatteva proprio per evitare gli Usa in semifinale.
Quarta l’Italia, che il giorno prima aveva giocato alla pari anche con il Giappone (63-56) dopo aver liquidato la Lituania, eliminata in modo abbastanza clamoroso, vista la tradizione cestistica. La Fssi può essere però soddisfatta perché la sua squadra Under, nata pochi mesi fa – e griffata Sermeca, main sponsor della spedizione americana – ha tenuto sempre il campo con dignità, mostrando pure qualche spunto tattico interessante grazie al lavoro dello staff tecnico ed al talento di Simona Sorrentino, capitano della Nazionale, reduce da una discreta stagione a Cagliari (serie A2). I semi gettati otto anni fa sulle fondamenta della Nazionale senior dal Dt Beatrice Terenzi stanno dando frutto.
 
 
Show Buttons
Hide Buttons