LO SFOGO DI COACH DE RAFFAELE

Ricordate il suo cammino, breve e negativo a Reggio Calabria all’interno dell’ultima stagione in Serie A?

Oggi, Walter De Raffaele è l’allenatore più vincente del momento in Italia.

Traguardi raggiunti, probabilmente contro pronostico e con la voglia di lavorare con umiltà.

A Reggio Calabria vinse una clamorosa partita contro la Benetton di Treviso con un clamoroso canestro di Tony Giovacchini per poi subire l’ennesima querelle societaria pesantissima, cambi di canotte ed una serie infinita di sconfitte prima del suo esonero in vista dell’ennesimo come back di Tonino Zorzi.

Il coach di Venezia, Walter De Raffaele, oggi, si toglie qualche sassolino dopo la vittoria in Coppa Italia: “Mi ha infastidito la scarsa considerazione sulla nostra capacità di competere. La poca fiducia intorno a noi ci ha unito, è stata la molla che ci ha fatto crescere come gruppo, mentre la sfida con noi stessi ci ha resi migliori”.

Venezia ha di nuovo stupito, De Raffaele racconta così il suo modus operandi: “Un modo di lavorare in cui si punta sul professionista e sulla persona. Questo aiuta a gestire i momenti di difficoltà. Poi la mentalità Reyer significa umiltà e ambizione, resilienza e meritocrazia indipendentemente dal passaporto. Stone, Daye e Bramos partono dalla panchina, mentre Tonut, Mazzola e De Nicolao vanno in quintetto: gli stranieri hanno accettato il nuovo assetto. Poter aggiornare le gerarchie senza turbolenze è un grande vantaggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons