Viola, continua l’allergia in trasferta

 

 

Continua l’allergia alle trasferte in casa Viola.

I reggini non riescono a dare del filo da torcere alla Dinamica Mantova e falliscono l’aggancio in classifica con una delle dirette concorrenti per la salvezza.

Bisogna cambiare registro e non solo, in casa Viola, per provare a sfatare finalmente il tabù trasferta in futuro: in casa, già a partire dal prossimo e doppio impegno casalingo, prima contro la spettacolare Omegna nell’ultima di andata e subito dopo contro il Basket Nord Barese, nella prima del girone di ritorno, servirà iniziare a non sbagliare più (i passi falsi tra le mura amiche sono stati fin qui solo due contro CasalP e Treviglio).

Con soli cinque giocatori a referto la Viola continua, dunque, la striscia negativa fuori casa. A Mantova finisce (78 – 69) per l’ex Lamma e soci che conquistano i due punti in classifica, staccando ulteriormente i reggini, ancora in lotta nelle zone pericolose. Troppo tardiva la reazione dei giocatori di coach Ponticiello che sotto di diciotto punti (72 – 54) hanno provato la rimonta (76-69), bloccata dallo scadere dei quaranta minuti di gioco. Neanche l’innesto del giovanissimo Diego Monaldi (7 punti e 14 minuti di utilizzo) ha dato fiducia al team reggino che in settimana aspetta ulteriori movimenti di mercato.

In avvio di partita coach Ponticiello sceglie di far partire il solito quintetto con Sabbatino in regia, Sorrentino guardia, Fabi ed Hamilton in ala con Ammannato centro.

Coach Morea sceglie invece Jefferson, Ranuzzi, Nardi, Pignatti e Losi. Il primo quarto premia gli ospiti reggini che trovano subito la giusta alchimia con il trio Hamilton, Fabi e Ammannato. E’ proprio il lungo nero-arancio a firmare il massimo vantaggio sullo scadere della frazione (11-19). Nei minuti successivi la reazione dei padroni di casa è in gran parte affidata a Nardi e Jefferson, abili a trovare buone soluzioni contro la difesa calabrese. Il punteggio resta comunque in equilibrio (36-36), grazie ancora a Hamilton e Fabi, quest’ultimo molto preciso dalla distanza (4/4). Un sussulto dei mantovani a firma di Nardi regala un minimo vantaggio (44-38) prima della sirena di metà gara. Al ritorno sul parquet dopo il riposo si sveglia anche Sorrentino: sono praticamente i suoi canestri a tenere in piedi la Viola (46-42) che subisce ancora troppo dal tiro esterno di Ranuzzi e Nardi (56 – 45). Il vantaggio in doppia cifra da maggiore fiducia ai padroni di casa, e quando anche qualche fischio arbitrale (tre tecnici in tutto il match per i reggini) entra in gioco per la Viola diventa tutto più complicato. Ranuzzi e Jefferson portano Mantova al massimo vantaggio (72 – 54). Il contro break della Viola arriva a meno di due minuti dalla sirena finale (74–62), gran parte a firma di Sorrentino e anche quando il giovane Monaldi trova buoni canestri (76-69) le lancette del cronometro scandiscono la fine della gara (78 – 69).

Si chiude un 2013 psicologicamente impegnativo per i reggini: nella prima parte di annata, grazie all’arrivo di coach Ponticiello (una vera e propria certezza) ed all’innesto di giocatori come Piazza, Rugolo, Ricci e Sabbatino la Viola ha raccolto tantissimo conquistando contro ogni pronostico la qualificazione alla DNA Silver. Dopo i cambiamenti d’estate ed i quattro confermati (Caprari, Ammannato, Sabbatino e Fabi) uniti ai flop della scelta dei due americani insieme a problemi logistici assurdi (la Viola sta giocando le proprie sfide interne a Vibo) il campionato è assolutamente in salita: servirà tempo, coraggio e la fiducia dell’ambiente per ritornare a stupire.

Dinamica Generale Mantova – Viola Reggio Calabria 78-69
(18-22; 44-38; 62-52)

Dinamica Generale Mantova: Losi 6 , Alibegovic 3 ,Lamma 5, Ranuzzi 14 ,Nardi 21 , Jefferson 18, Veccia n.e. , Allodi n.e., Pignatti 11, Fiozzi n.e..
All.: Alberto Morea.

Viola Reggio Calabria: Azzaro n.e., Caprari, Fabi 14, Sabbatino, Lupusor n.e., Sorrentino 18, Monaldi 7, Spera, Ammannato 8, Hamilton 22.
All.: Francesco Ponticiello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons