MEDAGLIA D’ARGENTO PER COACH BARILLA ALLE FINALI UNDER 16

L’allenatore reggino porta a casa un super traguardo. Il titolo Under 16 vola nelle mani della compagine di Cantù che si è imposta con il risultato di 78 a 64.

Super esperienza per il tecnico reggino Francesco Barilla che da assistente di uno dei miti del basket italiano, Alessandro Tonolli porta l’Hsc ad un grande traguardo sportivo.

Dopo il bronzo nell’Under 15, team dove ha lavorato Nicola Barbuto da Soverato, la compagine capitolina brilla e si ferma solo in finale nella season Under 16.

Continua con cura, lavoro e dedizione il percorso del tecnico ex Viola, Rosarno e Nuova Jolly che aggiunge alla sua carriera un altro importante traguardo.

La cronaca da Fip.it

Columbus PGC Cantù – Honey Sport City 78-64
La Columbus Cantù conquista lo Scudetto Under 16 superando l’Honey Sport City nella finalissima. Pronti, via e Procida (15 punti) ruba palla e va a schiacciare in contropiede, lasciando intuire di avere intenzioni bellicose. Il capitano dei brianzoli è infatti scatenato come dimostrano le due triple realizzate che insieme a quella di Mirkovski (14 punti con 4 triple) permettono alla Columbus PGC Cantù di superare subito la doppia cifra di vantaggio (15-4). L’HSC fatica tantissimo a segnare e i due soli canestri nei 7 minuti iniziali sono troppo pochi anche se nel finale Giacomi e Cirulli (14 punti) provano a scuotere i capitolini. Gli ultimi due punti della prima frazione sono di Bresolin che fissa il risultato sul 17 a 8. In avvio di secondo quarto arriva la reazione della squadra di coach Tonolli che risponde presente con un parziale di 10-3 grazie alle triple di Marangon e Dron. L’HSC torna dunque ad un solo possesso di distanza prima però che Mirkovski si scateni dalla lunga distanza: il numero 12 biancoblu infatti segna 3 triple consecutive che fanno esplodere di gioia i tifosi brianzoli presenti al Pala 2. I romani però non cedono per merito del buon apporto di Greggi (top scorer dei suoi con 17 punti) che risponde colpo su colpo impedendo la fuga avversaria: il secondo quarto infatti si chiude sul 20 pari con Cantù che dunque conduce 37-28. Al rientro dall’intervallo lungo tre triple consecutive (realizzate da Cirulli, Ziviani e Quarta) riaccendono subito la partita. Il PGC prova un’altra volta ad allungare toccando il massimo vantaggio sul +16, 50-34, ma l’HSC non ci sta. Quarta (autore di una doppia doppia da 12 punti e 10 rimbalzi) e Greggi guidano i gialloneri sul -6, Marazzi però quasi sulla sirena di fine terzo quarto segna il canestro del 52 a 44. La tripla di Lanzi apre gli ultimi e decisivi 10 minuti, Dron e ancora Greggi guidano i capitolini ma la tripla di Procida e i 7 punti di uno scatenato Ziviani permettono a Cantù di restare in doppia cifra di vantaggio. A metà periodo un canestro di Cirulli e una tripla dall’angolo di Greggi costringono coach Visciglia a chiamare timeout sul punteggio di 67-58. Alla ripresa del gioco Lanzi e Mirkovski trovano il fondo della retina per i brianzoli, Quarta cerca di mantenere accesa la speranza di rimonta per l’HSC ma Ziviani con 6 punti consecutivi chiude definitivamente i giochi: Cantù vince 78 a 64 ed è campione d’Italia Under 16 Eccellenza.

TEAM ABC CANTU’ – HONEY SPORT CITY ROMA 78 – 64 (17-8, 37-28, 52-44, 78-64)
TEAM ABC CANTU’: Caglio 4 (1/3, 0/1), Lanzi* 12 (1/5, 3/6), Merlo, Banfi 4 (2/4 da 2), Pozzi 3 (0/3, 1/5), Braghini, Procida* 15 (2/2, 3/11), Mirkovski* 14 (1/1, 4/8), Ziviani* 18 (5/9, 2/6), Consonni, Bresolin 4 (2/4 da 2), Marazzi* 4 (2/6 da 2). All. Visciglia
Tiri da 2: 16/39 – Tiri da 3: 13/38 – Tiri Liberi: 7/8 – Rimbalzi: 42 14+28 (Caglio 6) – Assist: 14 (Lanzi 4) – Palle Recuperate: 14 (Ziviani 6) – Palle Perse: 12 (Caglio 5)
HONEY SPORT CITY ROMA: Ludovici, Marangon* 3 (0/2, 1/3), Quarta* 12 (2/2, 1/1), Scalfarotto NE, Zoffoli NE, Dron* 7 (1/10, 1/7), Cirulli* 14 (4/6, 1/2), Ndzie Meteh* 5 (2/5, 0/1), Giacomi 6 (3/5 da 2), Francioni NE, Meola NE, Greggi 17 (5/13, 1/2). All. Tonolli
Tiri da 2: 17/46 – Tiri da 3: 5/19 – Tiri Liberi: 15/24 – Rimbalzi: 49 17+32 (Dron 11) – Assist: 9 (Dron 5) – Palle Recuperate: 8 (Giacomi 2) – Palle Perse: 21 (Quarta 4)
Arbitri: Biondi M., Agnese V.

Show Buttons
Hide Buttons